RIMINI. C’è sempre un po’ di Rimini nella vita e nella carriera di Fabrizio De André. Rimini, come il titolo di un suo celebre album. Rimini, come la canzone più bella mai dedicata alla località adriatica. Anche se, certo, non così encomiastica, anzi. Proprio due anni fa la città aveva celebrato il quarantesimo anniversario di quello storico long playing scritto in collaborazione con Massimo Bubola con una serie di iniziative alla presenza di Dori Ghezzi, culminate con un grande concerto all’Arena degli Agostiniani.
Il concerto ritrovato
E ci sarà anche Rimini nel disco in uscita domani. È la colonna sonora originale di “Fabrizio De André & Pfm. Il concerto ritrovato”. Soltanto nel 1975 Fabrizio De André decise di esibirsi in pubblico eseguendo il suo repertorio quasi ed esclusivamente nella versione originale. Nel 1978 Franz Di Cioccio lo convinse a fare un tour lungo tutto lo Stivale con la Pfm, che arrangiò i suoi brani in chiave rock. Il docufilm – tratto dal filmato recentemente riscoperto del concerto di Genova – è stato campione d’incassi a febbraio e Sony ne pubblica ora la colonna sonora.
Per la prima volta, il concerto del 3 gennaio 1979 alla Fiera di Genova si potrà ascoltare integralmente. L’intera registrazione viene pubblicata in altissima qualità (192kHz/24 bit) grazie a un importante lavoro di restauro e masterizzazione a cura di Lorenzo Cazzaniga e Paolo Piccardo. L’audio originale era quasi totalmente monofonico e in alcuni tratti completamente distorto. Dopo una prima operazione di restauro, sono state ricreate le condizioni di allora, montando un impianto all’interno di un hangar.
Questa la tracklist del disco
“La canzone di Marinella”; “Andrea”; “Maria nella bottega del falegname”; “Il testamento di Tito”; “Un giudice”; “Giugno ’73”; “La guerra di Piero”; “Amico fragile”; “Verranno a chiederti del nostro amore”; “Zirichiltaggia”; “Rimini”; “Via del campo”; “Avventura a Durango”; “Sally”; “Bocca di rosa”; “Volta la carta”; “Il pescatore”.

Argomenti:

de andrè

dischi

pfm

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *