Dalla Vineria del popolo all’osteria in laguna a Venezia

Dalla Romagna alla laguna veneziana per coronare un sogno. La passione per il vino e per i viaggi, oltre a uno spiccato senso imprenditoriale, animano Simone Rosetti, cervese, 42 anni ma già da 25 impegnato nella ristorazione romagnola dove gestisce tre insegne molto conosciute: Vineria del popolo a Cesena, Enoteca Pisacane a Cervia e Ca’ de bè a Bertinoro. L’approccio col mondo del vino risale al 2006, fa semplicemente un corso da sommelier, e cambia vita. O meglio si chiarisce le idee e completato il corso eccolo subito catapultato alla blasonata Frasca di Castrocaro Terme. Non gli serve molto tempo per capire che la sua strada è quella di aprire un proprio locale e nel 2011 prende in gestione la Ca’ de bè di Bertinoro, tempio delle bevute di ogni romagnolo che si rispetti in ogni tempo. Ma oltre i salumi e la piadina c’è di più, si dice un giorno Simone e alla ricerca in campo enologico per arricchire la sua cantina personale affianca quella per trovare il meglio dell’artigianato agroalimentare locale, inoltre ripristina l’azienda agricola di famiglia a Castiglione di Cervia dove produce ortaggi e un ettaro a grano per ricavarne la farina per il proprio pane. Viaggia sempre molto e la Ca’ de bè comincia a diventargli stretta. Dalla suggestione di un viaggio in Andalusia gli viene l’idea di aprire l’Enoteca Pisacane a Cervia, dove si servono infatti vini e tapas, e di lì a poco nel 2017 apre i battenti anche la Vineria del popolo che il nome lo prende dalla splendida piazza di Cesena, ma anche dagli eroi dell’indipendenza, dell’unità e del socialismo che occhieggiano in bassorilievo sotto le volte del portico: il carbonaro, anticlericale “ardito d’aspetto e d’ingegno” Leonida Montanari, Giuseppe Garibaldi, Andrea Costa. «Era un ufficio del turismo, in disuso da tempo. Ho sempre preso in gestione e trasformato nei miei locali spazi che erano pubblici e inutilizzati – spiega Simone Rosetti–, in questo c’è l’idea di rigenerare, rivitalizzare senza dover costruire ex novo ciò che non serve».

Anche in Vineria porta la sua passione, una carta da 200 etichette con alcune rarità, anche regionali, e una attenzione cospicua per la Romagna. «Ogni bottiglia la sono andata a cercare, ho conosciuto il vignaiolo –e la riprova è che se un avventore ha un dubbio, il vignaiolo lui lo chiama al telefono – e così faccio coi prodotti che metto in carta». Insomma Simone non ha mai smesso di guardarsi intorno e, abbandonata l’idea di un locale anche in zona universitaria a Bologna, si è girato indietro, nuovamente verso Est, e lo sguardo è arrivato questa volta fino a Venezia.

Nuova tappa in laguna

«Quando non potevo mettere lo zaino in spalla e andare lontano, almeno scappavo fino a Venezia per perdermi camminando fra le calli. E a forza di camminare ho fatto amicizie e scoperto angoli sconosciuti della città». Come l’antica osteria Al Bomba in Cannaregio, sestiere più fuori rotta rispetto ai percorsi iper turistici e anche per questo estremamente autentico. Scopre che lì cercano un nuovo gestore, conosce la proprietaria, architetta veneziana, coinvolge un amico ristoratore della laguna. «Stiamo ristrutturando e l’apertura è prevista per fine settembre, inizio ottobre prossimo –. Cambierà volto, ci sarà la cicchetteria e una sala da 40 posti tutti a un unico grande tavolo in condivisione, con le panche. Dopo il Covid credo che sia importante recuperare il valore dello stare insieme e della conversazione». E la cucina? Anche qui prodotti del territorio, quindi della laguna e delle isole: pesce freschissimo dell’Adriatico, ortaggi e verdure coltivati in laguna.

“Osti in orto”

«Il mio socio Tomaso Medici ha un’azienda agricola all’isola di Sant’Erasmo, storicamente considerata l’orto di Venezia –racconta Simone –. Con altri undici ristoratori veneziani ha dato vita al progetto “Osti in orto” che ha già messo a coltura alcuni ettari di un’ antica fattoria per coltivare in maniera naturale ortaggi e verdure e prevede di avviare un piccolo pollaio di galline ovaiole. Il tutto per rifornire le cucine dei ristoranti soci, compresa la nostra». Simone comunque non se ne andrà certo dalla Romagna, per Cesena ha anche altri progetti e a breve calerà l’asso.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui