Dai falsi anglicismi al metodo di studio: perché non sai ancora bene l’inglese

Hai studiato l’inglese durante tutto il tuo percorso scolastico, eppure oggi non saresti in grado di sostenere una conversazione con un madrelingua? Non sei certo l’unico a trovarsi in una situazione simile, perché purtroppo nelle scuole italiane si è rimasti per molto tempo ancorati a metodi di insegnamento non sempre efficaci. Imparare una lingua come l’inglese non è affatto difficile, ma sono diversi gli ostacoli che possono presentarsi e che fortunatamente oggi si possono superare con maggior facilità.

Imparare bene l’inglese: gli ostacoli da superare

Per riuscire a sostenere una conversazione in inglese, bisogna imparare la lingua nel suo complesso e per quanto possa sembrare facile sono diversi gli ostacoli che possono presentarsi sul proprio cammino. Se non hai ancora raggiunto il livello desiderato, dovresti cambiare metodo ma vediamo prima di tutto quali sono i principali errori che potresti aver commesso.

La grammatica non è tutto

A scuola solitamente viene insegnata prima di tutto la grammatica inglese: si imparano quindi le regole di base per la costruzione della frase, i tempi verbali e via dicendo, che sono fondamentali. Il vero problema è che se ci si ferma solo a questo non si può dire di conoscere la lingua e soprattutto non si sarà mai in grado di sostenere una conversazione con un inglese. Bisogna fare pratica, allenarsi anche nello speaking che è importantissimo.

I falsi anglicismi confondono le idee

Nella lingua italiana ormai siamo abituati agli anglicismi, ossia a tutti quei termici che sono entrati a far parte del nostro vocabolario ma che provengono dall’inglese. Basti pensare, per fare un esempio, alla parola “leader” che ormai siamo abituati ad utilizzare in ogni contesto e che di certo non è italiana. Esistono però numerosi falsi anglicismi, ossia termini che noi utilizziamo frequentemente ma che in inglese non vengono mai usati e questo rende tutto più complicato. Mister, footing, slip, beauty case sono impiegati nella lingua italiana con accezioni completamente differenti. Ciò significa che non sentiremo mai un madrelingua inglese dire “mister” per intendere il coach, parlare di footing anziché di jogging. I falsi anglicismi sono moltissimi e bisogna dunque stare attenti, perché traggono in inganno e rendono ancora più difficile imparare la lingua nel modo corretto.

Gli insegnanti di lingue non sono tutti uguali

Per superare gli ostacoli e riuscire ad imparare la lingua inglese davvero bene è necessario trovare un insegnante che sia effettivamente valido. L’ideale sono i madrelingua, poiché permettono di allenarsi anche sullo speaking e di arrivare a sostenere conversazioni in inglese di altissimo livello. Come trovarli però? Fortunatamente al giorno d’oggi esistono piattaforme come Preply, che mette in comunicazione diretta tutti gli insegnanti di lingue con i potenziali allievi. Basta entrare nel portale e registrarsi per trovare i migliori docenti, confrontarli e scegliere quello che si preferisce in base alle sue caratteristiche e al curriculum. Le lezioni si svolgono online, dunque non ci sono limiti geografici e si tratta di una grandissima risorsa.

Trovare un insegnante madrelingua può fare la differenza anche per te perché consente di superare tutti gli ostacoli che fino ad oggi hai avuto davanti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui