Cesena, inaugurata la pista ciclabile lungo il Savio

E’ attiva già da tempo per i cittadini ma è stata inaugurata questa mattina, la pista ciclabile lungo il Savio, che costituisce la Linea S della Bicipolitana e che collega il Ponte Vecchio alla Via Ancona. Alla pedalata celebrativa hanno preso parte il Sindaco Enzo Lattuca, gli Assessori ai Lavori Pubblici Christian Castorri e alla Mobilità Sostenibile Francesca Lucchi, insieme ai ciclisti che hanno preso parte all’evento organizzato dall’Associazione Orango del Museo dell’Ecologia.

I lavori di questo percorso ciclistico sono stati conclusi nel marzo scorso. Il cantiere era stato avviato esattamente un anno fa, a febbraio 2020, dopo che la Giunta aveva dato il via alla realizzazione del 1° stralcio della pista ciclabile per un importo complessivo di 600 mila euro, con 378 mila euro di finanziamento regionale.

Con la Ciclovia del Savio si completa il collegamento diretto fra mare e Appennino mettendo a disposizione dei cicloamatori un percorso di grande pregio ambientale e paesaggistico. Questo primo stralcio, costituito da un tratto di circa 2,5 chilometri, parte dal Ponte Vecchio, innestandosi nel punto in cui termina la ciclabile sul Savio che arriva da Cannuzzo. Dopo aver percorso la via Savio in San Michele, la pista sale sull’argine sinistro, proseguendo verso la passerella di Romagna Acque e, poi, lungo il margine dei terreni agricoli, terminando in via Ancona, di fronte all’area di Ca’ Bianchi. Con stralci successivi saranno realizzati gli ulteriori 12,5 chilometri del tracciato che, secondo il progetto, proseguirà lungo il Savio costeggiando il canale di Cento fino al Molino omonimo.

La mobilità leggera e i collegamenti rapidi tra il centro e la periferia sono una priorità di questa Amministrazione che ha previsto a bilancio oltre 1 milione di euro per la realizzazione della bicipolitana, un sistema fatto di linee numerate e colorate, facilmente identificabili e con una serie di servizi (punti di gonfiaggio, acqua, parcheggi di scambio e stazioni di bike sharing). Entro i prossimi anni Cesena potrà contare su un modello di mobilità che non solo garantirà maggiore sicurezza agli utenti della strada ma anche un minore inquinamento. Al fine di conseguire questi obiettivi, attraverso il Piano della mobilità urbana si intende dunque di ridurre almeno del 12% la domanda di mobilità complessiva, creando le basi per un decremento del 40% degli spostamenti motorizzati e una diminuzione del 45 per cento delle emissioni di gas serra.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui