Croce Adriatica, corsi sold-out. Ai giovani piace diventare soccorritore

RICCIONE. «Sono molti i giovani che vi si avvicinano, lo vedono come il lavoro del futuro, prima fanno un’esperienza con il volontariato poi entrano in aziende o organizzazioni più grandi».
Enzo Romagna, coordinatore dell’associazione di pubblica assistenza Croce Adriatica spiega come «i corsi per soccorritori volontari hanno già raccolto il massimo degli iscritti a quota 30» riferendosi a quello che partirà il 29 gennaio nella sede di via Larga a Misano.

Gli incontri del corso base si terranno tutti i mercoledì per una durata totale di 20 ore, le lezioni saranno seguite dal dottor Federico Ruggeri. Verranno affrontate tematiche teoriche e pratiche del soccorso.
«Le nostre ambulanze non possono uscire se mancano i volontari, dopo il verbo amare quello aiutare è il più bello del mondo» dice Romagna. E la risposta c’è stata, così come nella richiesta del servizio sul territorio.

«Tre anni fa quando siamo partiti non ci conosceva nessuno – afferma il coordinatore della Croce Adriatica –. Nel 2017 abbiamo svolto 700 servizi con 12 volontari, oltre a medici e infermieri; il secondo anno 1.500 servizi con 25 volontari. Nel 2019 siamo arrivati a 2mila servizi con 35 volontari. Siamo una famiglia». Anche il numero delle ambulanze è cresciuto, passato da 3 a 9. «Quest’anno dovremmo acquistare altre due ambulanze nuove. In futuro vorremmo compiere un ulteriore passo e accreditarci per le ambulanze del 118».
Il servizio si sta specializzando nello sport. «Lavoriamo con il circuito di Misano, l’Arena 58, il campionato degli arbitri di Serie A di basket e tantissime altre attività sportive. Facciamo assistenza anche ai concerti, nelle discoteche, andiamo a prendere le persone quando vengono dimesse dall’ospedale, anche servizi di trasporto per persone che hanno bisogno. Ieri ad esempio eravamo a Belluno con un signore che ha il femore rotto. In un anno effettuiamo cento viaggi in tutta Europa per spostare pazienti che dalla riviera dobbiamo riportare a casa».

Croce Adriatica ha due sedi: oltre quella di Misano, dal 2018 ce n’è una anche a Pesaro. «Tutto è nato tre anni fa – spiega Romagna – sono andato in pensione e non sapevo cosa fare. Così ho pensato che avrei potuto mettere a disposizione l’esperienza che ho maturato in 46 anni da volontario della Protezione civile. Molta gente ha bisogno di aiuto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui