Cristina D’Avena e le sue avventure nel giardino delle fiabe

Conosciutissima fin dagli anni Ottanta, interprete di decine di sigle dei più famosi cartoni animati, attrice televisiva nota per alcune serie tv tra cui “Kiss me Licia”, dopo l’esordio a tre anni e mezzo con la partecipazione allo Zecchino d’oro e la vendita di oltre sette milioni di copie, Cristina D’Avena (classe ’64) si avvicina al mondo dell’editoria young.

“Il giardino delle fiabe” (Ape Junior) è il titolo della raccolta scritta dalla cantante bolognese: dieci avventure incentrate sul rispetto della natura, sul tema dell’amicizia e sulla bellezza insita nei piccoli gesti.

Storie divertenti e tenere che – impreziosite dalle coloratissime illustrazioni di Giulia Dragone – hanno per protagonisti bambini, creature magiche, animali, personaggi capaci di coinvolgere i giovanissimi lettori e accompagnarli serenamente verso il riposo notturno.

Ci sono le api che fanno riflettere sul loro importantissimo ruolo nell’ecosistema del pianeta, il paguro che insegna a rispettare ogni essere vivente, i folletti che scoprono la bellezza insita nella diversità di ogni individuo, e poi la stella Denebola che spiega a Marco l’inquinamento luminoso, il mago che invita a non inquinare più, e tanti altri caleidoscopici personaggi.

La raccolta firmata da D’Avena diventa così occasione per riflettere – da soli o insieme a mamma e papà nel caso di una lettura condivisa – su tanti temi attuali e complessi, dall’inquinamento dei mari a quello luminoso, dall’importanza di rispettare ogni anello degli ecosistemi alla cooperazione fra gli individui, dal valore insito nell’unicità all’amicizia.

Grazie a una narrazione semplificata, ricca di dialoghi e caratterizzata dagli stilemi della favola classica, ogni tematica è così resa più comprensibile e accessibile anche ai giovanissimi.

Perché, come diceva Gianni Rodari: «Credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui