Crac Aeradria, chiesta la condanna per Vitali, Gnassi e Cagnoni

I fatti sono lontani nel tempo, alcuni degli imputati eccellenti non sono più protagonisti della vita politico-amministrativa del territorio, ma la doppia requisitoria del caso Aeradria, proprio all’indomani delle elezioni amministrative, rischia di rompere il clima di apparente disinteresse generale per il processo. I pubblici ministeri Paolo Gengarelli e Luca Bertuzzi si sono divisi il lavoro, ma alla fine di una doppia requisitoria durata quasi tre ore hanno “calato” le loro richieste. Quattro anni e quattro mesi di reclusione per Stefano Vitali, ex presidente della Provincia (ritenuto corresponsabile del crac); un anno e quattro mesi per Andrea Gnassi, ex sindaco di Rimini; un anno per Lorenzo Cagnoni, presidente della Fiera di Rimini. Chiesta l’assoluzione, invece, per Mario Formica ex vicepresidente di Aeradria e per Manlio Maggioli, ex presidente della Camera di Commercio.

L’articolo completo sul giornale in edicola oggi

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui