Covid Emilia-Romagna, la Regione: “Non siamo ancora da zona gialla”

Ieri ben1.633 i nuovi casi giornalieri di Covid-19 in Emilia-Romagna. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 355 nuovi casi, seguita da Modena (281) e Rimini (218); poi Ravenna (167), Reggio Emilia (123), Ferrara (115) e Forlì (111). Quindi Cesena (94), il circondario imolese (63), Piacenza (57) e, infine, Parma (49 nuovi casi). Si registrano altri sette decessi: uno in provincia di Modena (una donna di 86 anni), uno in provincia di Ferrara (un uomo di 70 anni), uno a Forlì (un uomo di 76 anni), uno in provincia di Ravenna (un uomo di 63 anni originario del ravennate ma deceduto a Rimini) e tre nel riminese (una paziente di 86 anni di Bellaria-Igea Marina, e due uomoni, uno di 80 anni di Montescudo-Monte Colombo e uno di 88 anni di Riccione).

Giallo? Non subito

Pur avendo un’alta incidenza di nuovi casi e i ricoveri in aumento, l’Emilia-Romagna non è ancora da zona gialla. Anzi, «la situazione è sotto controllo». Lo garantisce l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini. «La situazione è sotto controllo – assicura Donini – non siamo da zona gialla». Al momento il tasso di occupazione dei posti letto è «all’8,5% nei reparti Covid e nelle terapie intensive – spiega – quindi siamo ancora sotto i livelli di guardia, pur avendo un’incidenza molto alta, come in tutta Italia». Donini ci tiene però a ribadire che «il 73-75% dei ricoverati in terapia intensiva è non vaccinato. Quindi l’appello che rivolgo a tutti coloro che possono presentarsi agli hub per la prima dose è di farlo al più presto, perchè in questo momento la pandemia sta colpendo prevalentemente con forma grave le persone non vaccinate, anche non anziane».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui