CESENA. Le quote raccolte per i tornei quest’anno sono andate all’unità di assistenza domiciliare dell’ospedale Bufalini. Questa la decisione dell’Elephas Cesena Baseball: «Il gioco è stato semplice – racconta Michela Casadei, alla guida della squadra Hot Club – l’entusiasmo dei ragazzi della squadra mi ha spronato a trovare un modo semplice e utile per investire le quote versate pro-tornei. Il fatto di aiutare, in un simile periodo, chi si trovava in prima linea mi è sembrata un’ottima idea. In quei giorni i pensieri di tutta la squadra erano per gli operatori sanitari coinvolti nell’emergenza».
Da sempre nella sezione amatoriale condotta da Michela Casadei vige una economia di autofinanziamento: «dall’autotassazione dei singoli atleti, alla organizzazione dei tornei locali fino al pagamento di ogni singola spesa per partecipare a tornei extra casalinghi», spiegano. Quest’anno lo spirito è rimasto invariato e la squadra Hot Club ha in un primo momento deciso di devolvere le quote del torneo di Fanta-Softball, che ha coinvolto squadre amatoriali da tutta Italia sul web, e quando è saltato anche il torneo locale di inizio stagione la decisione è stata quella di devolvere anche le quote di iscrizione degli atleti.
«A causa della pandemia da Covid 19 è un periodo duro, in particolare per i professionisti del settore sanitario e, tra gli amici della squadra, ci sono 2 infermieri».
Una di questi è Marzia Morri, che lavora nell’unità operativa di Assistenza Domiciliare Integrata a cui è stata devoluta la donazione della squadra.

Argomenti:

coronavirus

donazione

Elephas Cesena Baseball

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *