Covid, Bassetti: “In arrivo nuove varianti, ma non bisogna preoccuparsi”

La situazione ospedaliera è piatta per il Covid: pochi casi di polmoniti vere molto diverse di quelle viste nel 2020 e nel 2021. I dati di altri paesi ci dicono che, a breve, anche in Italia arriveranno nuove varianti, tra cui Cerberus che diventerà predominante. Bisogna preoccuparsi? Direi di no perché sarà molto contagiosa, ma non più letale o aggressiva. È bene però che anziani e fragili vadano a fare il richiamo vaccinale per renderla ancora meno aggressiva e contagiosa. Dal punto di vista organizzativo occorre fare meno tamponi in generale ed in particolare smettere di fare i tamponi di screening negli ospedali. Molti hanno già capito che bisogna convivere con un virus che è diverso e che va affrontato in maniera differente. Ora lo devono capire tutti”. Lo scrive su Facebook Matteo Bassetti, primario del reparto di malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui