Covid, a Imola contagi in risalita ma cala la pressione sui servizi

Stanno risalendo i contagi, del 16,3% l’incidenza settimanale dei nuovi casi, ma per fortuna da metà agosto non si è aggiunto alcun nome alla lista dei decessi sul nostro territorio e la pressione sui servizi va calando negli ultimi giorni. È giunta infatti la fase della convivenza con il Covid, in cui le restrizioni non ci sono quasi più e i bollettini quasi scomparsi non aiutano più a rendersi conto della situazione.

Anche l’Ausl di Imola, in linea con molte altre, da qualche tempo non pubblica il report settimanale. Ma i dati sul resoconto Covid “a 7 giorni” l’azienda continua a raccoglierli. Nell’ultima settimana si è registrata una «tendenza invertita con un rialzo della curva epidemica», ha fatto sapere l’Ausl imolese: 372,3 nuovi casi per 100 mila con una media di 71,1 (+10) casi al giorno.

Di conseguenza anche l’indice di trasmissibilità, l’Rdt, è aumentato dello 0,32% arrivando a 1,17. La diffusione, soprattutto in età adulta, si attesta su un’età mediana di 56 (+2,5) anni, con la percentuale delle reinfezioni piuttosto rilevante che resta stabile rispetto agli ultimi bollettini al 14%.

Meno preoccupante l’altro lato dell’equazione, cioè i dati sulla pressione sui servizi sanitari, che stanno diminuendo già dalla scorsa settimana. C’è sempre un paziente in terapia intensiva, mentre i ricoveri ordinari sono calati da nove a quattro e quelli dal Pronto soccorso da dieci a quattro, con un’età mediana delle persone in ospedale di 70 (-11,5) anni. Mentre il Covid hotel resta ancora vuoto gli ospiti all’Ospedale di comunità di Castel San Pietro Terme sono due (+1).

L’Usca, l’Unità speciale di continuità assistenziale, ha leggermente incrementato l’attività nell’ultima settimana, con sette (+2) contatti e tre (+1) visite. Si sono verificati anche due (+1) contagi nelle residenze per anziani, dove gli ospiti erano rimasti negativi per tutta la prima parte dell’autunno. In crescita maggiore i contagi tra gli operatori sanitari, tra cui vi sono undici (+6) positivi. In tutto si contano 499 (+25) casi attivi a fronte di 2.043 (-70) test diagnostici.

Intanto prosegue altalenante la campagna vaccinale, in crescita nell’ultima settimana con un totale di 1.834 vaccinazioni (+661) eseguite di cui 91 prime dosi, 91 seconde, 233 terze, 1.190 quarte e 229 quinte.

Una mano è arrivata dai medici di base grazie alla recente possibilità di fare il vaccino aggiornato anche in associazione all’antinfluenzale pure in ambulatorio, che ne hanno somministrati oltre 700 del totale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui