Cotignola, sempre più abbandoni di coniglio al parco

Aumenta il fenomeno dell’abbandono di conigli al parco Pertini di Cotignola, oasi verde in cui da sempre convivono gli svaghi dei bambini con la quiete del laghetto dove si sono sviluppate una flora caratteristica, nonché una fauna ittica e ornitologica di prestigio. Il problema è sorto quando dalla quarantina di esemplari regolari e controllati si è passati, con l’ultima dozzina del mese scorso, a raddoppiare i numeri.

«Non si può abbandonarli, perché significa condannarli a morte – spiega il presidente dell’Enpa di Lugo, Elio Geminiani – e in concomitanza con i primi caldi della stagione estiva e le partenze per le vacanze, troppi proprietari vogliono disfarsi di chi gli ha tenuto compagnia tutto l’anno».

L’associazione ha in carico la gestione e la cura degli animali dell’area verde del parco; i volontari hanno subito provato a mettere in salvo i coniglietti all’interno di alcuni recinti in attesa dell’individuazione di possibili nuovi proprietari.

Terminato il lockdown c’è stata un’impennata di abbandoni, forse perché non c’era più bisogno di tenersi compagnia a vicenda. Questi piccoli animali non riescono a vivere in un parco, essendo abituati alle comodità domestiche: un’alimentazione sana e controllata, qualche legnetto da rosicchiare, un po’ di terreno dove scavare e la sicurezza di non incontrare dei predatori. Ognuno di loro se lasciato qui può causare un disequilibrio delle colonie presenti e senza essere sterilizzati si moltiplicherebbero a dismisura.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui