Cotignola, raccolta fondi per la Cra

Migliorare la qualità della vita degli anziani della Casa residenza Tarlazzi-Zarabbini di Cotignola, realizzando un’area verde accessibile e sicura, completa di camminamenti protetti, gazebo e panchine: questo è l’obiettivo di “Un filo verde che ci unisce”, la campagna di crowdfunding promossa dal consorzio Solco su Ideaginger.it, che punta a raccogliere 12.000 euro entro il 17 dicembre.

Con un giardino accessibile e sicuro – un piccolo polmone verde integrato con il territorio e la comunità – la vita degli anziani residenti avrebbe un grande beneficio, grazie alla serenità e all’energia positiva che la natura può trasmettere.

La Tarlazzi-Zarabbini è una struttura residenziale che accoglie 40 persone non autosufficienti, a cui è affiancato un servizio di Centro diurno. Il giardino attuale non è utilizzabile, poiché privo di rampe di accesso ai prati, di sentieri lastricati, di panchine o zone ombreggiate. L’obiettivo della campagna è proprio quello di rendere fruibili e migliorare tutte le aree verdi presenti.

Oltre ai lavori edili e idraulici, necessari per mettere in sicurezza l’area (già finanziati grazie alla Bcc – Comitato Locale di Lugo e alle prime donazioni raccolte sul territorio), nella primavera del 2022 si procederà all’installazione di un gazebo fisso e di tre panchine, e alla messa a dimora di piante e arbusti decorativi: è proprio per finanziare questi interventi che è stata lanciata la campagna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui