“Corti da sogni”, 23ma edizione del festival ravennate

Il festival internazionale di cortometraggi “Corti da sogni” torna al teatro Rasi dal 26 al 30 aprile. Organizzato dal Circolo del cinema Sogni “Antonio Ricci” in collaborazione con l’assessorato alla cultura del comune di Ravenna, il festival porta a Ravenna il meglio della cinematografia mondiale per i cortometraggi, suddiviso in sezioni che ne esplorano diverse sfaccettature. Saranno proiettate opere in anteprima e cortometraggi che hanno ottenuto riconoscimenti prestigiosi nei principali festival internazionali: Festival di Cannes, Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Sundance film festival e Festival internazionale del cortometraggio di Clermont-Ferrand.

La 23ª edizione del festival prevede le storiche categorie in concorso: European Sogni award (opere europee), Sogni fiction (corti internazionali), Premio Giuseppe Maestri (opere di animazione), Made in Italy (cortometraggi italiani), Mitici critici (corti per le scuole), Film school (realizzati dalle scuole e università di cinema), Creatività in corto (premio del pubblico) e Frequenze in corto (videoclip). L’edizione 2022 tiene a battesimo la nuova sezione Green planet, riservata a lavori sui temi ambientali e sul rapporto tra uomo e natura, che sarà protagonista di una serata speciale in programma il 28 luglio all’Arena del sole di Lido di Classe.

Confermata, come nelle edizioni precedenti, la vasta presenza di diversi paesi: le circa novecento opere pervenute rappresentano ventiquattro paesi, che rappresentano non solo l’Europa e l’Europa orientale (Russia, Bielorussia, Estonia) ma anche il Medioriente, con Iran e Israele, l’Africa con Egitto e Senegal, il nord America con Usa e Canada e il sud America con il Brasile, fino alla Malesia.

«Questo festival – sottolinea uno degli organizzatori, Roberto Artioli – è anche un’occasione per comprendere cosa sta accadendo nel mondo, nelle società di altri paesi».

Due gli eventi speciali. In collaborazione con Cinemaincentro, il festival propone tre dei cortometraggi selezionati dalla Fice (Federazione italiana cinema d’essai): “Being my mom”, opera prima di Jasmine Trinca con Alba Rohrwacher e Maayane Conti, un delicato ritratto del rapporto madre-figlia, presentato a Venezia e premiato come Miglior esordio ai Nastri d’argento; “Il branco” di Antonio Corsini, già assistente di Sorrentino, Guadagnino, Moretti e Golino; “Tutù” di Lorenzo Tiberai, che affronta il tema dell’anoressia nel mondo della danza. Sabato 30 aprile alle 18.30, in collaborazione con la libreria Dante di Longo, è in programma l’incontro “Sogni di carta” con il fumettista e illustratore Davide Reviati.

«Corti da sogni – ha sottolineato l’assessore alla cultura del comune di Ravenna, Fabio Sbaraglia – si conferma uno dei festival più longevi in città e conferma la capacità di costruire una comunità intorno alla propria proposta culturale».

Al festival si accede con biglietto giornaliero da 3 euro.

Programma completo su www.cinesogni.it

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui