RIMINI. Parte la sperimentazione del Metromare. Ma per ora verranno impiegati dei mezzi sostitutivi perché la ditta che deve fornirli, come noto, è in ritardo. “Si è riunito questo pomeriggio, convocato dal Presidente della Provincia Riziero Santi, il Comitato di Coordinamento relativo all’Accordo di Programma per la realizzazione del Trasporto Rapido Costiero Cattolica – Rimini Fiera”, si legge in una nota diffusa dalla Provincia di Rimini. La sindaca di Riccione Renata Tosi, contrariamente a tutti i presenti, ha votato contro all’ipotesi di sperimentazione con i mezzi alternativi.

“Erano presenti, oltre al Presidente Santi che ha coordinato la riunione (è il compito della Provincia nell’accordo di programma) – si legge nella nota -, i sindaci di Riccione Renata Tosi e di Misano A. Fabrizio Piccioni, l’assessore del Comune di Rimini Roberta Frisoni, il presidente di Pmr Massimo Paganelli e funzionari e tecnici della Regione Emilia-Romagna, della Provincia e di Pmr”.

Il presidente di Pmr ha presentato una relazione che vede la struttura completata, collaudata e pronta alla messa in esercizio del servizio di trasporto pubblico locale. In attesa della disponibilità dei mezzi previsti contrattualmente (il cui ritardo nella consegna è responsabilità del fornitore) è stata proposta l’attivazione di un servizio sperimentale da parte del gestore con mezzi sostitutivi idonei. Il Comitato ha votato a maggioranza (voto contrario della sindaca di Riccione) la presa d’atto della conclusione della procedura e la proposta di attivazione del servizio sperimentale. La Provincia nei prossimi giorni procedrà alla istituzione della linea, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

Per tutti gli aggiornamenti clicca qui.

Argomenti:

METROMARE

sperimentazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *