Coronavirus Ravenna, riunita l’Unità di crisi. Monitorati contatti e frequentazioni avute dal calciatore contagiato

RAVENNA. In seguito al primo caso di positività al coronavirus riscontrato in provincia di Ravenna si è riunita venerdì sera in Prefettura l’Unità di crisi per una ulteriore verifica della situazione. Al vertice, a cui hanno partecipato anche i sindaci della provincia e gli esponenti delle forze di polizia, è stata esaminata la condizione del calciatore 21enne di Lugo e sono stati esposti i provvedimenti assunti per le cure del caso in applicazione del protocollo sanitario previsto.

“Al momento – spiega una nota – il paziente è ricoverato presso il reparto malattie infettive dell’ospedale di Ravenna; i dirigenti sanitari hanno assicurato comunque che le sue condizioni cliniche non sono preoccupanti e che il ricovero è stato disposto in via precauzionale, per cui, in considerazione dello stato fisico del soggetto, ritenuto in buone condizioni, probabilmente sarà possibile a breve disporne le dimissioni, con isolamento domiciliare e con sorveglianza attiva dell’Asl. Sono state, inoltre, esaminate e si è preso atto delle procedure attuate e dei controlli disposti in considerazione dei percorsi effettuati dal soggetto negli ultimi giorni, nonché delle misure precauzionali adottate nei confronti dei familiari. La situazione è rigorosamente seguita e costantemente monitorata a livello sanitario, così come la massima attenzione viene riservata nei confronti di casi anche se ritenuti solo sospetti”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui