Coronavirus Ravenna, contagio al corso anziani in palestra

Coronavirus Ravenna, contagio al corso anziani in palestra

RAVENNA. A dare il via al contagio sarebbe stata un’istruttrice che all’interno della palestra tiene svariati corsi. Recatasi a Milano per motivi personali tra il 29 febbraio e il 1 marzo, potrebbe essere stata contagiata e avere portato a sua insaputa il virus tra i frequentatori dei suoi allenamenti. È forse questa la filiera del contagio che tra sabato e domenica ha portato i casi di coronavirus nel Ravennate a quota cento. Almeno su questa direzione si sono orientate le indagini epidemiologiche condotte dalla Sanità pubblica. Prima, sabato, sono stati individuati 5 casi tutti ricondotti alla stessa palestra. Ieri invece altre 9 persone positive fra le 22 accertate in provincia di Ravenna, sono a loro volta state ricollegate all’attività ravennate, situata alle porte della città, già oggetto dell’indagine epidemiologica dell’igiene pubblica.

Corso frequentato da anziani
Uno fra i corsi tenuti dall’istruttrice sarebbe dedicato alla terza età. E proprio fra gli iscritti alle lezioni si sarebbe registrata la quasi totalità dei contagi, che coinvolgono anche una coppia di coniugi anziani. I frequentatori della palestra sono stati individuati e contattati dal dipartimento di igiene pubblica di Ravenna dell’Ausl Romagna, per monitorarne le condizioni, con la raccomandazione di rispettare in maniera rigorosa la quarantena. Da quanto emerso, la struttura sportiva era rimasta aperta fino all’ultimo nel periodo in cui era consentito ed aveva attuato le prime misure che erano state indicate per contenere la diffusione del coronavirus. Aveva poi chiuso i battenti una settimana fa come tutte le altre attività nel momento in cui Governo e Regione hanno disposto la serrata totale dei centri sportivi. Comprensibile lo stato d’animo del titolare dell’attività, che contattato ieri al telefono, ha preferito non rilasciare dichiarazioni per «non violare la privacy degli iscritti ed evitare di diffondere il panico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *