LUGO. Nuovo focolaio in una residenza per anziani a Lugo. Sono 36 gli ospiti risultati positivi ai quali se ne aggiungono 14 tra operatori e personale, compresa la coordinatrice suor Paola Cappella. Di questi solo un ospite è ricoverato in ospedale mentre per tutti gli altri è disposta la quarantena in stanza essendo asintomatici o con lievi sintomi per lo più febbrili. Tutto il personale contagiato invece rispetterà lo stesso periodo di isolamento nelle proprie abitazioni. È la fotografia di ciò che è risultato mercoledì pomeriggio dall’ esito dei tamponi effettuati all’ interno della casa di riposo Don Carlo Cavina di Lugo.

La struttura ospita 62 persone e occupa 45 persone; tutto nasce dall’ allerta telefonica lanciata il 22 ottobre, nella quale avvertiva che i suoi familiari – tornati in patria – erano tutti positivi. Il sabato successivo una seconda operatrice è andata al pronto soccorso per lievi sintomi, scoprendo la sua positività. Da quel momento sono scattate tutte le misure precauzionali previste dai protocolli; il personale Ausl lunedì ha effettuato il tampone direttamente in struttura a chiunque fosse lì dentro. Mercoledì gli ultimi esiti confermavano quei numeri. 

Argomenti:

anziani

coronavirus

focolaio

lugo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *