Il municipio di Cesena

Dopo i rinvii della prima fase l’amministrazione comunale presenta un nuovo pacchetto di misure economiche. Ad un mese dalla conferenza stampa di presentazione delle prime misure messe in campo dall’amministrazione per far fronte alla crisi economica che deriva dall’emergenza sanitaria in corso, oggi il sindaco Enzo Lattuca con gli assessori Camillo Acerbi (Bilancio), Luca Ferrini (Sviluppo economico) e Christian Castorri (Lavori pubblici) ha presentato il secondo pacchetto di interventi. Tra questi l’esenzione totale della tari per i mesi di chiusura imposti per decreto, valido sia per quelle attività che hanno già una data di ripartenza, sia per quelle che ancora la stanno attendendo (come cinema, teatri, discoteche) e comprenderà anche i ristoranti che hanno fatto attività di consegna a domicilio, gli alberghi e gli studenti fuori sede con regolare affitto di locazione che hanno fatto rientro a casa quando hanno chiuso le università. Sarà inoltre presentata al consiglio comunale la proposta di abolizione della tassa di soggiorno fino alla fine dell’anno. «Veloce, ampia e gratis» sono le tre parole che dovranno regolare la concessione dell’occupazione di suolo pubblico, che verrà concessa gratuitamente a tutti gli esercizi commerciali, con l’incoraggiamento rivolto agli esercenti ad avanzare proposte collettive di vicinato, di piazza di via. Se confermati gli stanziamenti promessi dal Governo a favore dei Comuni, Cesena è pronta a mantenere il piano da 14 milioni di investimenti in opere pubbliche, dando la priorità agli interventi sotto la soglia dei 150mila euro così da favorire quanto più possibile l’imprenditoria locale.
Allo studio anche interventi per le famiglie: «Siamo pronti a mettere in campo un piano per l’infanzia che parta dal potenziamento dei centri estivi se ce ne daranno la possibilità». In arrivo anche rimborsi per i mesi da marzo a giugno degli abbonamenti scolastici Atr che riguardano quindi gli studenti di materne, elementari e medie, mentre è in corso l’interlocuzione con Start per gli studenti delle scuole superiori. Pronto il bando per distribuire 277mila euro di contributi all’affitto con la Fondazione per l’affitto.

Argomenti:

coronavirus

tasse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *