CESENA. «Li ho visti ma non ho avuto il coraggio di intervenire. Sono una donna ed ho avuto paura. Non me me vergogno di certo a dirlo perché ha visto tutto anche un mio vicino di casa: e nemmeno lui se l’è sentita di cercare di fermarli».
Mentre alcune mani portano a casa la solidarietà, altre la rubano. È quanto avvenuto in corso Ubaldo Comandini dove una coppia di ladri è passata dopo la consegna delle mascherine gratuitamente fornite dal Comune ai residenti da parte di emissari dell’amministrazione. I ladri infilando le mani nelle buchette delle lettere hanno sottratto quasi tutto quanto era stato appena regalato.
Difficile dire che cosa se ne vogliano fare. Forse rivenderle visto che del “prezzo calmierato” a 50 centesimi per l’acquisto di questi presidi ora obbligatori non si vede traccia. Di conseguenza avere un buon numero di mascherine da smerciare a basso costo potrebbe essere un buon affare.
«Io abito in corso Comandini – spiega la donna mostrando la zona ed alcune delle buchette derubate – ed ho visto queste due persone rubare le mascherine. Si tratta di due uomini all’apparenza italiani attorno ai 30/35 anni. Le mascherine erano state appena lasciate nelle buchette delle lettere e loro si sono premurati di rubarne quanto più possibile. Almeno dove arrivavano ad infilare le mani. Il tutto è stato visto anche da un mio vicino di casa. Non ce la siamo sentita di provare a fermarli. Sarebbe meglio visto cosa sta succedendo che chi le distribuisce si sinceri di consegnarle direttamente alle famiglie beneficiarie. Oppure serve spingerle bene dentro la buca della posta. In maniera tale che i ladri non possano arrivare a prenderle».

Argomenti:

coronavirus

furto

ladri

mascherine

1 commento

  1. Non so se i volontari sono passati anche in centro storico, per consegnare le mascherine, donate ai cittadini dal Comune di Cesena.
    Personalmente io non le ho avute, io abito in Via Aldini.
    Ho letto l’articolo, pubblicato sul Corriere Romagna .
    Chi ha portato via le mascherine dalle buchette delle lettere, che dire, non c’è un minimo di responsabilità civile, da parte di chi fa queste azioni.
    I volontari riprenderanno a ricosceniarle di nuovo?, sperando che le persone, questa volta le troveranno, nelle bacchette della posta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *