Da isola felice a una delle ventinove realtà italiane con i dati, in prospettiva, più preoccupanti sul fronte
del Covid-19. La provincia di Ravenna è, secondo un’indagine compiuta dal quotidiano La Repubblica,
una delle quattro emiliano-romagnole ad avere un Rt maggiore ad 1,5. Per Rt si intende l’indice di
contagio, perfezionato con la situazione contingente. Una formula matematica che pertanto, prendendo in
considerazione anche i comportamenti determinati dalle regole introdotte, misura la quantità di contagiati
che ogni soggetto positivo al Covid sviluppa. L’indice di 1,5 – ovvero lo scenario per cui ogni positivo
contagia 1,5 persone – è considerata la soglia critica. Quella oltre la quale, qualora si stabilizzi su quel
parametro o oltre, è necessario il lockdown per riportare il contagio sotto controllo. Il quotidiano diretto
da Molinari, analizzando il monitoraggio settimanale effettuato dalla Cabina di regia dell’Istituto
superiore di sanità, segnala con Rt superiore a 1,5 ben 11 province lombarde, 6 piemontesi, tre calabresi,
due siciliane, le due autonome del Trentino Alto Adige, due del Veneto, quella di Trieste, quella di Rieti
oltre, appunto, Modena, Reggio Emilia, Ferrara e Ravenna. Queste due ultime erano state quelle che,
nella prima ondata, erano state meno toccate dal contagio nel contesto emiliano-romagnolo. Va detto,
però, che alcune regioni hanno prodotto per l’indagine dati parziali per i quali si teme una sottostima dei
valori statistici.

Argomenti:

coronavirus

lockdown

ravenna

rt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *