La casa di Cura San Lorenzino

CESENA. Coronavirus: ancora un morto tra le persone rimaste infettate. Era un ex ospite della casa di cura San Lorenzino. Struttura sulla quale ora indagano i Nas, in seguito a una denuncia sporta per una delle precedenti vittime circoscritte tra gli infetti Covid-19 che hanno avuto in qualche maniera a che fare con l’area ospedaliera della struttura di via Natale Dellamore. Quella di ieri è stato l’81° decesso tra gli infettati Covid-19 nei comuni del cesenate. Si tratta del settimo malato (è una donna di 81 anni) che aveva gravitato sulla San Lorenzino che poi è morto dopo essersi aggravato ed il ricovero al Bufalini.
Indagini
La notizia del decesso ieri era accompagnata da quella di una indagine che i Nas di Bologna hanno avviato su una delle sei precedenti morti tra gli ex degenti del San Lorenzino. C’è stata una denuncia esplicita da parte dei parenti di una vittima, che ritengono che possa esserci stata una correlazione tra ricovero e successiva infezione e decesso.
Così i Nas hanno preteso ed ottenuto tutte le carte inerenti quel caso. Carte che vanno ad unirsi idealmente a quanto già in corso da settimane da parte dei carabinieri della procura di Forlì.
Che stanno monitorando genericamente, per un fascicolo ancora contro ignoti, tutte le vicende di decessi coronavirus legate a tutte quante le strutture coinvolte del Cesenate: ospedale, case di cura e case di riposo in primis.
Tutti i particolari nell’edizione in edicola del Corriere Romagna

Argomenti:

coronavirus

Covid-19

indagine

morti

nas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *