Il coronavirus è entrato a scuola anche tra i più piccoli: nelle sezioni nido degli asili. Ma ieri tra le persone contagiate dal virus c’è stato anche un decesso. Si tratta di una donna di 83 anni che era ospite di uno dei gruppi appartamento per anziani Lieto Soggiorno di San Mauro in Valle.
Morta una donna
La donna deceduta era tra i contagiati dal Covid-19 una dozzina di giorni fa, quando la struttura di via San Mauro 2525 era salita alle cronache come nuovo focolaio. Sei ospiti e 4 operatori erano finiti in isolamento, o ricoverati, perché contagiati tutti contemporaneamente. Le problematiche a livello respiratorio conseguenti al virus e l’età non più verde non hanno permesso all’83enne cesenate di superare la malattia. Si tratta del decesso numero 200 tra i contagiati da Covid-19 in provincia dall’inizio della pandemia. L’ultimo decesso era stato (anche in quel caso) di una donna di 83 anni, ma residente nella Cra Casa Insieme di Mercato Saraceno.
Bimbi del nido
Ieri i 38 nuovi casi hanno confermato il trend di contagio in crescita con una particolare attenzione rivolta alle scuole. Nei numeri dei contagiati ci sono scuole un po’ di ogni ordine e grado. Per la prima volta però (a Cesena ed a Gambettola) ci sono state tre sezioni di asilo nido finite in quarantena. Nel caso cesenate si è reso necessario l’isolamento per il contagio di una educatrice. In due sezioni diverse a Gambettola (nido Comunale e privato) nel primo caso contagiata una educatrice, nel secondo un bimbo.
Il Dipartimento di Sanità Pubblica ha comunicato ieri che è stato riscontrato un caso di positività anche in un alunno di una classe della Media “Fausto da Longiano”. Lo studente aveva frequentato la classe fino al 20 ottobre senza aver manifestato sintomatologia. Così non c’è stato bisogno di mettere in quarantena l’intera classe, ma fino al 3 novembre (data di fine sorveglianza sanitaria) tutti a scuola dovranno portare sempre la mascherina. In totale le positività emerse ieri tra studenti di ogni ordine e grado sono state una decina nel cesenate.
I numeri
Nei 38 nuovi casi segnalati dall’Ausl e dalla Regione ci sono 17 femmine e 21 maschi.
Sono 28 le persone con sintomi e 10 le asintomatiche.
In 22 erano già in isolamento preventivo al momento della diagnosi. Per 14 casi si tratta di tracciamenti da positività già note. In 22 sono andati a fare il tampone per i sintomi che avevano, uno screening ospedaliero pre ricovero ed anche un rientro da un viaggio in Tunisia.
I nuovi malati sono 18 residenti a Cesena, due a Gatteo, due a Borghi, uno a Savignano sul Rubicone, 7 a Cesenatico, uno a Roncofreddo, 2 a Longiano, uno a Mercato Saraceno ed una San Mauro Pascoli. Due sono residenti fuori provincia che hanno effettuato il tampone al Bufalini di Cesena. Uno è un residente di Bertinoro e quindi dell’area forlivese.
L’unico comune che non ha ancora nuovi casi di coronavirus dopo l’ondata pandemica primaverile resta Montiano.
Ad ora i casi attivi a Cesena sono 192: 7 a Bagno di Romagna, 7 a Borghi, 44 a Cesenatico, 10 a Gambettola, 25 a Gatteo, 13 a Longiano, 8 a Mercato Saraceno, 5 a Roncofreddo, 41 a San Mauro Pascoli, 3 a Sarsina, 24 a Savignano sul Rubicone, 5 a Sogliano e due a Verghereto per un totale di 386 persone malate.
Sono ancora due le persone ricoverate in Terapia Intensiva tra gli infettati dal Coronavirus.
La provincia con più contagi ieri è stata quella di Bologna (267), a seguire Reggio Emilia e Modena (entrambe con 151 nuovi casi), Piacenza (121), Parma (105), Rimini (106) e Ravenna (87). Poi la provincia di Ferrara (58), quindi Forlì (43), Cesena (38) e il circondario imolese (19).

Argomenti:

coronavirus

nido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *