Coriano, prima lo investe con l’auto e poi lo trafigge con un coltello da cucina

Nei giorni scorsi è stato emesso e notificato il provvedimento della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno e di firma per 3 anni a carico di un italiano di circa 45 anni, residente a Coriano, che l’anno scorso aveva quasi ucciso un 25enne di origine magrebine residente a Montescudo.

Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Bologna-sezione misure di prevenzione-, a seguito della proposta a firma del Questore di Rimini in virtù delle accurate indagini sviluppate dalla sezione specializzata in materia di misure di prevenzione dell’Ufficio Anticrimine della stessa Questura.

L’uomo si era trasferito a Rimini all’inizio del 2000 e nella città romagnola si era dedicato subito all’attività di spaccio dimostrando in più di una circostanza la sua assoluta mancanza di scrupoli tanto che a casa dell’uomo gli agenti della locale Squadra Mobile nel corso di una perquisizione avevano trovato la droga custodita con disinvoltura all’interno di una scatola posta sopra il tavolo della cucina, nonostante all’interno dell’appartamento vivessero anche i suoi quattro bambini.

Anche dopo il suo trasferimento a Coriano, nonostante le svariate condanne e la detenzione in carcere, l’uomo non manifestava assolutamente alcuna intenzione di ravvedimento, perseverando nella medesima attività delittuosa con modalità sempre più aggressive tanto da incutere continuo timore tra i cittadini che, oramai esausti dei suoi comportamenti, presentavano un esposto nel quale denunciavano gli atteggiamenti aggressivi e violenti dell’uomo che aveva praticamente reso inaccessibili alcune vie della città poiché vi spacciava indisturbatamente alla luce del sole nonostante i Carabinieri lo avessero in più di un’occasione denunciato ed arrestato.

Infine, lo scorso anno, il quarantacinquenne, senza alcuna esitazione, nei pressi della Chiesa di Coriano, al culmine di una lite per questioni legate verosimilmente a pregressi debiti accumulati dalla vittima e legati all’acquisto di sostanze stupefacenti, aveva dapprima investito un giovane di 25 anni di origine magrebina ma residente da tempo a Montescudo e poi, non pago, lo aveva trafitto con un coltello da cucina procurandogli gravissime lesioni che solo per mera fortuna e per l’immediato intervento dei sanitari non ne avevano procurato la morte.

L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri di Coriano ed ora, grazie alla misura di prevenzione applicata dall’Autorità giudiziaria sulla proposta del Questore di Rimini, gli vengono imposte rigorosissime restrizioni alla libertà di movimento per 3 anni, nel corso dei quali sarà appunto “Sorvegliato Speciale” da parte di tutte le Forze di Polizia al fine di prevenire ulteriori condotte che possano mettere in pericolo l’incolumità pubblica.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui