Coprimaterasso matrimoniale: per un sonno migliore e senza allergie

Dormire bene è importante perché migliora la qualità della vita. Dicono che servano almeno 8 ore di sonno ininterrotto per affermare di dormire abbastanza. In realtà è un dato piuttosto soggettivo. Quello che invece è un parere universalmente condiviso è che non conta quanto, ma il come. Affinché si possa riposare veramente bene, è necessario che il sonno sia di qualità e permetta a corpo e mente di rigenerarsi completamente. Per farlo le condizioni della camera da letto sono molto importanti. Esposizione e temperatura (compresa tra gli 18° e 20°) in primis, ma anche e soprattutto il letto e il materasso. Sul mercato oggi esistono diverse tipologie di materassi, per far fronte ad ogni esigenza possibile. Per preservarne nel tempo efficacia e caratteristiche è necessario rivestirlo con il miglior coprimaterasso matrimoniale che si possa acquistare. Un esempio di qualità e convenienza la trovate sul sito di www.emma-materasso.it, dove sono in vendita materassi, cuscini e coprimaterasso della migliore qualità disponibile oggi.

Coprimaterasso matrimoniale: una barriera contro batteri, umidità e sudore

Molti pensano che il coprimaterasso sia utile solo per rivestire i letti dei più piccoli, oppure delle persone anziane, per preservare il materasso da eventuali perdite. In realtà il coprimaterasso è un accessorio importante per ogni letto. Questo perché preserva nel tempo qualità e durata del materasso e salvaguarda le superfici dal deposito di polvere, allergeni, umidità e sudore.

Un accessorio quindi indispensabile a tutti. Infatti, per quanto un materasso sia progettato per durare nel tempo è comunque un oggetto esposto continuamente all’usura, e a depositi di polvere, batteri e umidità. Inoltre anche se i materassi possono essere lavati a secco ed igienizzati, non potranno mai essere lavati in profondità. Mentre un coprimaterasso matrimoniale è facilmente lavabile in lavatrice, ogni volta che si desidera.

Classificazione dei coprimaterassi

Come per i materassi, anche i coprimaterassi si diversificano per dimensioni e caratteristiche. Peculiarità che è bene conoscere prima di acquistare un prodotto, piuttosto che un altro, visto che vanno comprati anche in base al materasso che andranno a rivestire.

Le due principali categorie di coprimaterasso sono:

monouso – destinata al settore ricettivo e sanitario, comprende coprimaterassi rimovibili totalmente e cestinabili. Di solito questi prodotti sono realizzati con materiali ecocompatibili, per limitare il loro impatto sull’ambiente.

Riutilizzabili – è la categoria alla quale appartengono i classici coprimaterassi di casa. Possono avere diversi spessori e alcuni addirittura sono imbottiti, per un comfort estremo.

Materiali e caratteristiche

I materiali utilizzati per produrre i coprimaterassi sono diversi, ognuno con le proprie caratteristiche. Tra questi ricordiamo:

  • Cotone – morbido, resistente, leggero e traspirante. Non scatena allergie e per questo è adatto quasi a tutti
  • Tencel – naturale al 100% e biodegradabile, è composto da fibra di cellulosa. La sua caratteristica migliore è l’elevato grado di assorbibilità, oltre alla sopraffina traspirazione. È un materiale particolarmente soffice che si rivela adattissimo ai letti dei più piccini.
  • Poliuretano – molto impermeabile, ma di scarsa qualità.
  • Lana – adatti a tutte le stagioni, i coprimaterasso in lana proteggono sia dal caldo che dal freddo
  • Poliestere – fibra sintetica che rende qualunque materasso molto resistente. È forse il materiale maggiormente utilizzato per la produzione dei coprimaterasso.
  • Teflon – non è esattamente un materiale, ma più che altro un trattamento a cui sono sottoposti i vari materiali. Un procedimento con il quale il coprimaterasso diventa antimacchia, morbido e durevole nel tempo.
  • Allergan – altro trattamento al quale sono sottoposti i coprimaterasso. Serve a proteggere il prodotto da acari, batteri, virus, funghi e muffe.
  • Memory Foam – eccezionale supporto del corpo, dona sollievo ad articolazioni, muscolatura e colonna vertebrale. Il coprimaterasso matrimoniale in memory foam si chiama anche topper.

Coprimaterasso matrimoniale: come scegliere quello giusto

Visto finora cos’è, a cosa serve un coprimaterasso e quali sono i principali materiali usati per produrli, cerchiamo adesso di capire quali fattori considerare per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Prima di tutto bisogna vedere chi lo utilizzerà. Se il coprimaterasso deve proteggere il giaciglio di persone anziane, è meglio sceglierne uno molto impermeabile e robusto. Invece se l’utilizzatore sarà un soggetto particolarmente sensibile alle polveri e agli allergeni, allora meglio sceglierne uno realizzato con materiali leggeri, traspiranti trattati con allergan.

In secondo luogo bisogna vedere se è necessaria e/o gradita un’eventuale imbottitura. L’imbottitura infatti aumenta notevolmente il comfort del giaciglio, ma richiederà più tempo e maggiori attenzioni per essere lavato. Inoltre è importante stare attenti allo spessore dell’imbottitura perché se questa fosse troppo importante, potrebbe compromettere la postura durante il sonno.

Infine serve anche un occhio di riguardo alle dimensioni del materasso che il coprimaterasso deve andare a rivestire. In pratica il coprimaterasso deve avere le stesse dimensioni del materasso. Ad esempio, per un materasso che misura 180X200, il coprimaterasso dovrà esser esattamente di 180X200.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui