Contagiati i senza tetto al Vescovado di Cesena

Il coronavirus è arrivato a colpire anche chi non può stare in isolamento fiduciario nella propria casa… Perché una casa propria non ce l’ha. Tra le anomalie registrati negli ultimi giorni nella pandemia cesenate c’è quella legata ad un piccolo focolaio accesosi in via Vescovado: nel dormitorio che è stato allestito dalla Diocesi nello stesso edificio dove vive il vescovo Douglas Regattieri. Un primo caso di positività tracciato tra i senza tetto che cercano rifugio qui per la notte ha messo in moto l’Ausl che ha sottoposto ad un giro di tamponi di controllo tutti i fruitori del servizio di dormitorio. Cinque gli infetti emersi complessivamente. Sono stati tutti trasferiti al “covid hotel” di Forlì (zona aeroporto) dove, non avendo necessità di ospedalizzazione, tutti resteranno in isolamento fino a quando non si negativizzeranno e potranno essere dichiarati guariti.

Nuovi malati

In tutto il cesenate non sono state registrate oggi vittime tra gli infettati dal coronavirus. Sono stati 66 i nuovi contagiati: di cui 40 avevano sintomi.

Ben 52 i nuovi ammalati emersi da tamponi eseguiti tracciando contatti di casi già noti. I nuovi ammalati sono 25 femmine e 41 maschi e vivono a Cesena (34), Cesenatico (5), Gambettola (2), Longiano (7), Mercato Saraceno (4), Montiano (2), Roncofreddo (1), Sarsina (1), Savignano (2) e Sogliano (3). Gli altri 3 risiedono fuori dai comuni del cesenate. A Cesena ad ora il 92,2% dei casi attivi è in isolamento domiciliare. L’indice dei casi attivi sui residenti è in diminuzione (0,57%).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui