Infortunio mortale sul lavoro nel pomeriggio di venerdì 6 giugno poco prima delle 16.30 allo stabilimento Unigrà di via Gardizza a Conselice. A perdere la vista è stato l’operaio 38enne Emiliano Orlandi, nato a Codogno ma residente a Lugo, in via Giordano: è rimasto schiacciato da una pressa.

Il decesso immediato

Inutile la corsa dei mezzi e degli uomini di soccorso del 118, che aveva mobilitato sul posto un’ambulanza, l’auto con il medico a bordo e anche l’elimedica, poi fatta rientrare alla base. I sanitari infatti non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. Sono inoltre intervenuti sul posto i vigili del fuoco (che hanno lavorato diverse ore per estrarre il corpo dell’uomo, operazione non semplice come si può presumere) i carabinieri e gli ispettori della Medicina del Lavoro dell’Ausl, deputati a svolgere i rilievi di legge e a effettuare le indagini al fine di appurare causa e dinamica dell’infortunio, sotto il coordinamento del magistrato di turno. Si è anche proceduto al sequestro del macchinario e all’area teatro dell’evento.

Il malore del collega

Oltre al 38enne deceduto, ci sono stati problemi anche per un suo collega 35enne che era all’esterno e che ha visto tutto quanto il terribile accaduto. Ha infatti accusato un malore, tale da consigliare i sanitari a trasportarlo al pronto soccorso per effettuare una serie di accertamenti. Appena ristabilito e in grado di parlare, sarà sentito dal magistrato per capire meglio cosa possa essere successo in quei tragici frangenti.

Argomenti:

conselice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *