SAN MAURO PASCOLI. Consegnate all’amministrazione comunale MASKeriT le mascherine ideate e prodotte a San Mauro Pascoli da un una nuova start-up fondata dal designer Daniele Gasperini, il tacchificio Cbr Tacstile e il ricamificio Scarpellini. La MASKeriT è il risultato di un lavoro sinergico, nato dal know-how di professionisti legati solitamente al settore calzaturiero che si sono messi in gioco in questi mesi di emergenza sanitaria, creando un prodotto di altissima qualità e funzionale, e allo stesso tempo curato nel dettaglio estetico e eticamente sostenibile nell’impatto ambientale.
Infatti la mascherina è fatta da materiali sterilizzabili attraverso fonti di calore, rendendola riutilizzabile nel tempo e anallergici, compreso il filtro in prolipropilene TNT ad alto potere filtrante. Il risultato di questo progetto è una mascherina completamente made in San Mauro Pascoli dall’estetica accattivante ed ergonomica, disponibile in molti colori e tre taglie.
«Sono orgogliosa di questo progetto – dichiara il Sindaco Luciana Garbuglia – che mette insieme innovazione, design, e gioco di squadra, tutte caratteristiche che hanno distinto l’industria e l’ingegno imprenditoriale di San Mauro Pascoli. – MASKeriT è un prodotto sicuramente utile e necessario in questo periodo, ma anche bello, comodo e innovativo».
«Mettendo insieme competenze tecniche e lavoro di squadra – afferma Daniele Gasperini, designer del progetto – abbiamo voluto dimostrare come il nostro distretto possa trovare soluzioni alternative in un momento come questo, unendo competenze e due generazioni di imprenditori».

Argomenti:

coronavirus

mascherine

MASKeriT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *