Comune Rimini, sciopero no vax: i dipendenti rischiano lo stipendio

Sciopero antivaccini e anti green pass, pugno duro dell’amministrazione comunale: rischio taglio dello stipendio e ulteriori provvedimenti disciplinari per i dipendenti che non tornano indietro e andranno avanti nella protesta. Il casus belli riguarda l’astensione dal lavoro proclamata in tutta Italia dal sindacato Federazione italiana sindacati intercategoriali (Fisi): il primo blocco partito dal 1° al 15 novembre scorso potrebbe andare avanti. E il motivo è sempre lo stesso: «In difesa dei valori costituzionali minacciati da gravi eventi lesivi dell’incolumità e della sicurezza dei lavoratori, soggetti ad obbligo di vaccino e certificazione verde sia pubblici che privati». A Rimini sono al momento sei i dipendenti comunali che hanno aderito ma non è detto che questo numero non possa aumentare.

L’articolo completo sul Corriere Romagna in edicola oggi

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui