Il Comune di Riccione vende i terreni per pagare asfalto e luci

Il Comune di Riccione vende i terreni per pagare asfalto e luci

RICCIONE. I terreni edificabili del Comune in via Veneto vanno in vendita a trattativa diretta. Valgono circa 600mila euro: «Finanzieremo la riqualificazione a San Lorenzo», spiega l’assessore al Bilancio, Luigi Santi. L’avviso è stato pubblicato ieri, la vendita dei beni immobili che si trovano tra viale Bormio e viale Valtellina è stata prevista nel Piano triennale delle alienazioni: il lotto numero 1, area edificabile, della superficie catastale di 368 metri quadrati ha un prezzo di 191.900 euro; i lotti 2 e 3 sono sempre un’area edificabile della superficie di 414 metri quadrati con prezzo a 216.600 euro ciascuno. I valori dei lotti sono stati determinati con perizia depositata nell’ufficio Servizio patrimonio del Comune a libera consultazione da parte degli interessati.

A monte dell’autostrada A14

I lotti, sui quali è possibile realizzare un edificio bifamiliare residenziale con tipologia e caratteristiche conformi alle prescrizioni del Piano particolareggiato, si trovano in una zona immediatamente a monte dell’autostrada A14; è dotata di parcheggi pubblici ed aree verdi, nelle vicinanze sono presenti esercizi commerciali per beni e servizi di prima necessità, la zona è ben collegata e servita anche dalle reti di trasporto pubblico. I lotti sono serviti dalle reti infrastrutturali realizzate contestualmente alle restanti opere di urbanizzazione. «E’ una scelta di buona amministrazione – prosegue Santi -, oltre che di efficienza economica, perché con i proventi faremo investimenti per la città e finanzieremo importanti progetti di riqualificazione. In particolare con la vendita di questi lotti andremo ad investire nella zona di San Lorenzo dove oltre ad una riqualificazione con nuove asfaltature, una rigenerazione del verde, marciapiedi e l’istallazione di una nuova illuminazione a led, sorgerà una nuova ciclabile che servirà a collegare il confine di Riccione con la pista esistente che passa sotto la Statale 16».

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *