Il Comune di Cervia cerca barche storiche da restaurare

CERVIA. Il Comune va a caccia delle piccole imbarcazioni storiche della marineria locale da restaurare nell’ambito del progetto “Arca adriatica”. Quest’ultimo ha una durata di 30 mesi e mette a disposizione dell’Amministrazione, che è project partner, un budget pari a 325mila euro. L’obiettivo è lo sviluppo di un prodotto turistico comune basato sul recupero e sulla valorizzazione del patrimonio legato al mare. Nell’ambito di questo contesto, appunto, Cervia intende procedere al restauro di almeno due imbarcazioni storiche, di cui una è la “Tre fratelli”, di proprietà del Comune. La seconda sarà invece privata, ma potrebbero essercene altre a seconda della disponibilità economica.

Le modalità

Ora il Comune attende una manifestazione di interesse da parte di chi è interessato a questo progetto, previa la formazione di una graduatoria da parte di una commissione di esperti. Sono iscritte al restauro le imbarcazioni tradizionali della costa che va da Pescara all’Istria, come le lance, i lancioni, i trabaccoli, i bragozzi, i topi, le battane, le brazzere, le passere, le paranze, le lancette marchigiane e i cutter da spiaggia. Il soggetto che beneficerà del finanziamento si impegna per la durata di 5 anni a rendere la propria barca disponibile per le finalità pubbliche di «fruizione, promozione e comunicazione della marineria storica cervese». A tale riguardo dovrà sottoscrivere una convenzione con l’Amministrazione comunale. Per il restauro sono pronti 65mila euro, ma le risorse saranno «prioritariamente concentrate sui Tre fratelli, secondo un piano di intervento dettagliato». La somma residua andrà invece ai privati, mentre i lavori si svolgeranno tra il mese di marzo e quello di giugno. La manifestazione di interesse dovrà pervenire entro le 12 del 25 febbraio, a mezzo posta, con destinatario il Comune.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui