Classe al chiaro di luna tra musica e risate

La pandemia ha lasciato tante cose brutte, ma anche qualche bella opportunità: è il caso della rassegna Classe al chiaro di luna, nata (o meglio ripensata) lo scorso anno per dare uno spazio adeguato alle nuove misure sanitarie alla cultura e allo spettacolo ravennate. La grandissima arena nel parco del museo Classis si prestava allo scopo, ed è stato un grande successo: molti organizzatori di eventi hanno sfruttato questa opportunità e circa diecimila spettatori ne hanno affollato la platea, facendone l’evento dell’estate ravennate insieme a Ravenna Festival. Quest’anno, inevitabilmente, si replica e si cresce ancora, per una rassegna che resterà anche quando la pandemia sarà un brutto ricordo. Ancora più corposo il numero di spettacoli e di organizzatori coinvolti, per quarantacinque eventi che si svolgeranno tra il 26 giugno e il 28 agosto, con l’aggiunta di una seconda arena: a quella del museo Classis, ampliata fino a seicentocinquanta posti e con un imponente nuovo ledwall multimediale sul palco, si aggiunge quella dell’Antico porto di Classe, con centoquaranta posti, riportando la rassegna dove era nata anni fa. Altra novità è l’orario di apertura dell’arena Classis, alle 19, per offrire la possibilità di visitare il museo prima dello spettacolo e cenare all’aperto con prodotti tipici locali. Chi sceglie questa opzione avrà il biglietto cumulativo ridotto per visitare musei, mostre e monumenti gestiti da Ravennantica. Veniamo agli spettacoli in programma, rimandando fin d’ora al sito www.classealchiarodiluna.it per l’elenco completo, date e informazioni dettagliate di un cartellone corposissimo. Cominciamo dagli eventi in qualche modo legati a Dante nel settecentesimo anniversario: “Dante vivo” è il titolo di otto appuntamenti all’Antico porto con Ivano Marescotti che legge canti della Divina commedia insieme a ospiti, accompagnato da Marianne Gabri all’arpa e Roberto Pasutti all’elettronica. Dante e le vie degli ebrei è uno «spettacolo in canti tra storie e poesia, inferni e promessi di paradiso» a cura del Museo ebraico di Bologna, che avrà luogo all’Antico porto il 16 agosto. Anche la rassegna di teatro di figura a cura del Teatro del Drago si sposta quest’anno all’Antico porto, con sette spettacoli, in cui fa capolino Dante riletto ad uso dei più piccoli. L’arena Classis ospita invece Infernum che prende il titolo dal nuovo album del rapper Murubutu, dedicato alla Divina commedia; con lui sul palco la band locale Clever Gold. Il 5 agosto uno dei concerti più importanti del festival jazz emiliano romagnolo Crossroads, con il quintetto di Noa, cantante americana di origine israeliana. Accademia perduta/Romagna teatri porta a Classis quattro spettacoli di teatro comico con altrettanti pezzi grossi della comicità italiana: Giuseppe Giacobazzi il 16 luglio, Vito il 23, Max Giusti il 30 e Maria Pia Timo il 6 agosto. Emilia Romagna concerti firma invece due appuntamenti: il 14 luglio con la Young Musicians European Orchestra, che suona le pagine di Bach rilette dal pianista iraniano Ramin Barhami, e il 24 il Concerto per Sant’Apollinare, con il controverso violinista tedesco-kazako Roman Kim. L’associazione Angelo Mariani ha confezionato una rassegna di sette concerti dedicati alla memoria di Astor Piazzolla, nel centenario della nascita. Il tema di “Musica dal nuovo mondo” sono le musiche americane che il grande compositore argentino ha ascoltato lungo tutta la sua vita. Il palco di Classis ospita sette tra le migliori cover band italiane, tra cui i Killer Queen il 15 luglio, ufficialmente riconosciuti da Brian May tra le migliori al mondo sul repertorio dei Queen. Ma ce n’è per tutti i gusti negli altri concerti, con i brani di Beatles, Pooh, Battisti, Abba, U2 e Vasco Rossi. Torniamo alla musica classica con due concerti dell’Orchestra Corelli, nella sua versione di dieci elementi Ensemble Primo Tempo: il 4 agosto “Amarcord”, le grandi colonne sonore del cinema italiano, e il 13 “Dreaming melodies”, musiche dal mondo Disney. Ravennantica propone invece tre concerti di puro divertimento: il 21 luglio con The Goodfellas, l’11 agosto con i Dik Dik, e il 20 con una band che interpreta i brani rock portati sul grande schermo. Il comitato cittadino di Classe il 25 luglio si occupa di omaggiare la tradizione romagnola nell’anno della scomparsa di Raoul Casadei, con “Clarini sotto le stelle”. Tre concerti all’Antico porto costituiranno i saggi di fine anno degli studenti dell’Officina della musica, il 5, 6 e 7 luglio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui