I cittadini devono potare gli alberi nelle loro proprietà

I cittadini devono potare gli alberi nelle loro proprietà

CIVITELLA. L’Amministrazione ricorda a chi possiede un giardino che deve prendersene cura: se cade una pianta sul suolo pubblico, da un giardino privato, le spese per chi la possiede sono elevate. Il forte vento dei giorni scorsi ha fatto crollare degli alberi e dei rami, creando non pochi problemi agli abitanti di Civitella e di Cusercoli.
Così il sindaco Claudio Milandri ha ricordato a tutti gli abitanti l’ordinanza sottoscritta lo scorso 6 febbraio, in cui invitava i proprietari di giardini che davano sulle strade pubbliche a tagliare o potare le piante che potevano costituire un pericolo, in caso di caduta, per la pubblica incolumità o un intralcio per la circolazione stradale o pedonale. L’ordinanza aveva l’obiettivo di prepararsi ad eventuali nevicate e a situazioni climatica estreme, come appunto quelle di forte vento. Il documento pare aver avuto poco riscontro. Così, durante le intemperie delle scorse giornate, rami e alcune piante sono caduti, per fortuna senza conseguenze sulla salute dei cittadini, ma provocando danni.

«La gente deve sapere che bisogna prestare massima attenzioni ad alberi o rami che possono cadere su strade o spazi pubblici – ha ribadito il sindaco – anche perchè si rischia di pagare risarcimenti anche elevati per i danni che si provocano. Ricordo che, spesso, in caso di calamità l’assicurazione non è tenuta a rispondere alcunché all’assicurato». A Cusercoli, infatti, nel parcheggio che si trova di fronte all’istituto comprensivo che accoglie medie ed elementari, un piccolo albero si è abbattuto su un’automobile. Nessun danno alle persone, ma un avvertimento per tutti. Il proprietario di piante che crollano in spazi pubblici, oltre a dover rifondere eventuali danni diretti a persone o cose, rischia una sanzione amministrativa che può variare dai 25 ai 500 euro, oltre a vedersi addebitati i costi che l’Amministrazione pubblica stessa deve sostenere per rimuovere ciò che intralcia la pubblica via. Il concetto è ribadito dall’assessore comunale Francesco Samorani, che ha diffuso nuovamente l’ordinanza dell’Amministrazione: «Molti cittadini che hanno piante nei propri giardini privati non le potano e queste potrebbe causare problemi di sicurezza a chi percorre le strade o i marciapiedi. Il vento di questi giorni lo ha mostrato, facendo cadere alcuni rami di privati sulle strade, causando dei problemi. Per fortuna non è successo niente di grave».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *