Cinque Challenger in due mesi: Forlì diventa “tennis city”

Cinque tornei Challenger Atp in due mesi hanno trasformato la città di Forlì nella “Tennis City” d’Europa di inizio 2022. La lunga serie di appuntamenti indoor al Tc Villa Carpena, aperta il 2 gennaio scorso e chiusa solo domenica 27 febbraio, ha ottenuto numeri impressionanti sia a livello tecnico sia a livello organizzativo. In queste settimane di gare sono stati disputati 320 incontri, con oltre 300 tennisti professionisti in gara, con un movimento di oltre mille addetti ai lavori, tra coach, manager e tecnici e migliaia di presenze degli appassionati nei vari Challenger romagnoli.

Non solo, Forlì nei primi due mesi del 2022 si è dimostrata la città europea che ha ospitato più tennis internazionale, portando l’Italia al primo posto tra le Nazioni organizzatrici. Un dato su tutti: in Europa l’Italia con Forlì ha ospitato fin qui 5 Challenger Atp, con un montepremi totale di oltre 220mila euro, mentre 3 ne sono stati disputati in Francia e ancora nessuno nelle altre nazioni europee. Forlì non si ferma qui, però. A fine maggio all’aperto e su terra battuta arriverà un super Challenger Atp da 125mila euro sempre al Tc Villa Carpena. Da un punto di vista puramente tecnico i tornei Atp di Forlì hanno espresso livelli di gioco alti, con alcuni tennisti che hanno letteralmente preso il volo a livello mondiale; su tutti il britannico Jack Draper, capace di vincere 3 gare a Forlì, l’azzurrino di 18 anni Luca Nardi e il russo Pavel Kotov (entrambi un torneo vinto a testa) che stanno scalando il ranking Atp, così come nel doppio l’azzurro Marco Bortolotti (2 tornei vinti), il romeno Cornea e il tedesco Fallert (2 tornei vinti e una finale) hanno acquisito con i loro successi a Forlì punti mondiali Atp e dimensioni internazionali nuove nel ranking di doppio. “Sono molto grato al Consiglio direttivo del Villa Carpena e ai soci tutti per avermi dato la possibilità di organizzare la serie di tornei indoor di Forlì, cinque nel 2022 ma che diventano sette se consideriamo i due dello scorso dicembre – ha spiegato con soddisfazione Cosimo Napolitano, di Nen Events -. Così come devo dire grazie alle istituzioni e agli sponsor privati, sempre al nostro fianco in queste settimane. Il successo tecnico è stato notevole, visto il livello di partecipanti e di gioco espresso a Forlì, ma gli eventi internazionali hanno permesso anche e soprattutto una fortissima ricaduta sul territorio in termini economici e di offerta lavoro. E’ stata un’esperienza dura ma molto bella, condivisa con tutto il nostro staff, che rappresenta il preludio dell’Atp 125 di fine maggio che ci vedrà di nuovo in pista alla grande, primo evento di questa portata nella storia della città di Forlì”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui