SANTARCANGELO. A distanza di un anno dalla sua primissima edizione, il “Nòt film fest” ritorna con un evento internazionale dedicato al cinema indipendente a Santarcangelo dal 30 luglio al 4 agosto.
Quando si pensa ad un film festival, si tende a immaginare il tappeto rosso di Cannes, attraversato dai più famosi registi e attori del mondo. Invece, quando si parla di festival di cinema indipendente, ovvero di quel cinema lontano dal grande schermo e dai grandi circuiti commerciali, non molti sanno che cosa immaginarsi. Eppure, dallo scorso anno è approdato in Italia un progetto mirato a colmare questo vuoto grazie alla grinta di Noemi Bruschi, Alizé Latini e Giovanni Labadessa, un gruppo di giovani professionisti del cinema trapiantati a Los Angeles, grazie all’indispensabile contributo dell’associazione culturale Dogville, Bulb Innovative Events e Giometti Cinema.
Quello che rende speciale il “Nót film fest” non è solo la proiezione di opere originali, inedite e provocatorie di film makers italiani e internazionali. Il Nót è unico nel suo genere per il forte senso di community e contaminazione creativa che si respira durante le giornate del Festival, scandite da incontri formativi, proiezioni e numerose iniziative volte alla scoperta del territorio romagnolo a livello culinario, paesaggistico e cinematografico.
Le proiezioni saranno 56 per questa seconda edizione. Si rinnova l’appuntamento al Supercinema, lo storico cinema di Santarcangelo, con le proiezioni pomeridiane, mentre quelle serali si svolgeranno all’aperto nell’arena del parco Clementino.
L’edizione del 2018 ha visto la presenza di Peter Baxter, filmmaker inglese e co-fondatore di “Slamdance”, festival indipendente americano che sarà nuovamente partner del Nòt. Slamdance negli ultimi 25 anni ha lanciato la carriera di numerosi registi di successo tra cui Christopher Nolan, Oren Peli, Rian Johnson, e i fratelli Russo.
Il Nòt è anche partner esclusivo di un’altra prestigiosa istituzione americana, la facoltà di cinema della University of Southern California, tra i cui illustri alunni ci sono famosi registi. Il Nòt proporrà una selezione di film degli studenti della USC, rafforzando il legame tra giovani emergenti oltreoceano e l’Emilia Romagna.
Tra i giudici non mancano grandi personalità italiane come Giuseppe Maggio della serie Netflix “Baby”, Eros Galbiati della serie Sky “1994” e Francesco Marioni, noto per la sua parodia del gruppo musicale The Giornalisti. Il Nòt sarà anche in partnership con il progetto “Ama il mare”: 1 euro di ogni ticket venduto (l’ingresso al cinema costa 6 euro) verrà devoluto all’installazione di un cestino mangiaplastica nei porti e nelle darsene della riviera Romagnola.

Argomenti:

cinema

Nòt film fest

santarcangelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *