Ciclismo, tregua Cassani-Dagnoni: dopo il 30 settembre il ct romagnolo avrà un nuovo incarico

Tregua tra Davide Cassani e la Federazione, con l’annuncio di una nuova intesa tra il presidente Cordiano Dagnoni e il ct azzurro. Cassani e Dagnoni si sono incontrati ieri a Milano per discutere dell’accordo che vedrà Federciclismo e il Ct ancora assieme in un nuovo progetto federale. Al termine del meeting si è giunti così all’intesa che vede il Ct Cassani confermato fino al termine del suo incarico (30 settembre 2021) e da ottobre cambiare ruolo a prescindere dai risultati ottenuti agli Europei e Mondiali. «Dopo 8 anni è giusto cambiare – afferma Cassani – e il Campionato del Mondo nelle Fiandre sarà il mio ultimo da CT, ma non sarà il mio ultimo incarico in Federazione. Da sempre porto la maglia azzurra nel cuore. Ringrazio il Presidente Cordiano Dagnoni e il Consiglio Federale per la fiducia che mi è stata dimostrata nel propormi questo nuovo ruolo all’interno della FCI. Per me si tratta di un ulteriore stimolo e sono sicuro di poter dare un fattivo contributo in un altro ambito che non è più quello tecnico».

Queste le parole del Presidente Dagnoni. «Ringrazio Davide per aver sposato lo spirito del gruppo ed essersi dimostrato uomo FCI a 360° condividendo con noi progetti e visione. Ora rimaniamo concentrati verso i prossimi obiettivi a partire dagli Europei di Trento».

Per Cassani è in vista un nuovo incarico di ambasciatore del movimento ciclistico azzurro o comunque in ambito dirigenziale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui