Ciclismo, Santarcangelo pronta ad ospitare il Giro d’Italia

ALESSANDRO BURIOLI

NICOLA STRAZZACAPA

Il feeling tra il Giro d’Italia e la Romagna continua: martedì 17 maggio la corsa rosa arriverà a Santarcangelo, città che ospiterà per la prima volta un arrivo di tappa. Per l’annuncio ufficiale bisognerà attendere un paio di settimane, lunedì 8 novembre, quando la Rcs toglierà i veli sull’edizione 2022.

Santarcangelo fa doppietta?

Negli ultimi due giorni erano rimbalzate voci su Sant’Agata Feltria come possibile sede di partenza della tappa di mercoledì 18 maggio che arriverà a Reggio Emilia: in realtà non sarà così. Sembra anzi che Santarcangelo stia lavorando per una doppietta. Martedì 17 maggio l’arrivo di tappa (che dovrebbe partire da Jesi) e il giorno successivo la partenza della tappa che quasi certamente arriverà a Reggio Emilia. Se non ha mai prima d’ora ospitato un arrivo (che è il vero evento clou di una corsa a tappe), Santarcangelo è però già stata sede di una partenza di tappa. Storia del 1997: il 19 maggio davanti allo stabilimento della Scrigno a Sant’Ermete partì la cronoscolata verso San Marino. A vincere quella tappa fu Pavel Tonkov, che precedette di 21” Berzin, di 32” Petito, di 37” Leblanc, di 53” Ugrumov e di 55” Gotti. Quell’Ivan Gotti che il 31 maggio fece poi l’impresa sul traguardo di Breuil-Cervinia, strappando la maglia a Tonkov e portandola poi fino a Milano, con il russo staccato di 1’27”. In pratica un distacco simile a quello che accuserà l’anno successivo nei confronti di Marco Pantani, trionfatore del Giro con 1’33” su Tonkov.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui