Ciclismo, guerra in Ucraina: Gazprom sponsor “scomodo” di Malucelli

Successo di squadra per Gazprom Rusvelo di Matteo Malucelli alla Uae Tour. Il velocista forlivese, 14° all’arrivo, ha brindato al successo del compagno Mathias Vacek, che ha preceduto i quattro compagni di fuga sull’arrivo posto all’Expo di Dubai con il team russo che ha conquistato anche il 3° e il 5° posto. Oggi la gara degli Emirati si concluderà con l’arrivo in salita a Jebel Hafeet e la probabile vittoria dell’attuale leader Tadej Pogacar (Uae Team), che vuole dominare la gara organizzata dal suo main sponsor. Per Malucelli il ritorno alle corse è previsto per la Tirreno-Adriatico con la speranza, difficile ma concreta, di vederlo al via anche alla Milano-Sanremo che sarebbe la prima “monumento” corsa dal forlivese.
Resta l’incognita legata alla Gazprom Rusvelo: la squadra ha base in Italia ma è di fatto russa con uno sponsor che è la rappresentazione della potenza energetica in mano a Putin. Così come sta accadendo nel calcio, non sono da escludere possibili ripercussioni anche se, in questo caso, gli unici a pagare sarebbero gli atleti.

Baroncini operato


Intanto, giovedì il campione del mondo Under 23, Filippo Baroncini, è stato operato presso il Policlinico di Modena per la riduzione della frattura scomposta al radio del braccio destro. Baroncini era caduto nel corso della prima tappa della “Volta au Algarve” a pochi chilometri all’arrivo. L’intervento è perfettamente riuscito e Baroncini inizierà a breve la riabilitazione con il recupero stimato in circa un mese. Anche l’anno scorso la stagione del massese iniziò con una frattura alla clavicola che lo escluse dalle gare d’esordio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui