Ciclismo, Coppolillo: «Scommetterei il classico euro su Van Aert»

Michele Coppolillo, sta crescendo anche per lei l’emozione in vista dei Mondiali di Imola 2020?

«Certamente, un evento del genere è sempre speciale, anche se considerando il Covid1-9 le difficoltà e le limitazioni sono tante. Penso meritino un grande applauso gli organizzatori per quanto stanno facendo: sarebbe stato un peccato lasciare scappare via un’occasione del genere. Il movimento ciclistico italiano aveva tanto bisogno di un Mondiale. Davvero».

Lei conosce bene Selleri e Pavarini, li credeva capaci di un’impresa del genere?

«Mettere assieme un Mondiale in 20 giorni è quasi impossibile. Loro ci riusciranno grazie a capacità sopra la media e per l’apporto di un gruppo consolidato che lavora da tempo assieme. Già al Giro d’Italia Under 23 si è visto di cosa sono capaci. Poi, ripeto: i protocolli sanitari sono davvero stringenti, me ne accorgo già io con le gare giovanili, figurarsi a questi livelli. Meritano un applauso, hanno portato a Imola una manifestazione con ancora più risonanza mondiale della Formula Uno».

Veniamo al percorso della gara in linea, come lo giudica?

«Molto impegnativo. C’è pochissima pianura, giusto quei 2-3 km che da Riolo Terme portano alla Gallisterna, per il resto tanti mangia e bevi e in generale un tracciato nervoso, che richiede la massima attenzione. Come quello di una classica per intenderci. Occhio a fare andare via le fughe, da dietro sarà difficile recuperare e negli ultimi giri ogni scatto potrà risultare quello vincente».

Scollinare in cima alla Gallisterna con 20-30” di vantaggio potrebbe essere decisivo?

«Penso proprio di sì, specie all’ultima tornata e se i fuggitivi dovessero risultare 2-3 in modo tale da darsi il cambio. Di lì all’arrivo lo spazio per rimontare c’è, ma parliamo di un tracciato snervante, che porterà via molte energie agli atleti e che, verosimilmente, farà tantissima selezione».

I suoi favoriti chi sono?

«Credo che chi esce dal Tour avrà una marcia in più rispetto agli altri, pure a chi corso la Tirreno-Adriatico. Pogacar non va sottovalutato, Alaphilippe si giocherà le proprie carte, ma se dovessi giocare il classico euro, allora sceglierei il belga Van Aert».

E l’Italia di Cassani ha qualche possibilità?

«Può succedere di tutto, specie se, come dicono le previsioni meteo, dovesse piovere. Nibali non sembra al meglio, ma è un campione e nelle occasioni importanti non tradisce. Ulissi e Masnada hanno lanciato segnali importanti».

Domenica seguirà la gara?

«Certo, vivo tra Osteria Grande e Dozza dal 1983, non posso perdermi un’occasione del genere. Lascerò l’auto sul lungofiume e con il mio zaino farò a piedi quegli 8-9 km per arrivare in cima alla Gallisterna. Conosco quella salita, lo scenario è unico e credo che alla fine ci andranno almeno 10mila tifosi. Ho già la pelle d’oca, ma ci terrei a fare un appello».

Prego.

«Chiedo ai tifosi di indossare le mascherine, evitare gli assembramenti e rispettare gli atleti. E’ una questione di sicurezza, per tutti noi e a maggior ragione per campioni che fanno della salute una condizione necessaria. Al Tour de France in tv ho visto scene poco edificanti. Si possono sostenere i ciclisti, chiaro, magari anche urlare al loro passaggio, ma bisogna farlo indossando le mascherine, altrimenti i rischi aumentano e so bene come gli atleti in questo momento siano preoccupati da situazioni del genere. Insomma, facciamo vedere che ci meritiamo un evento del genere».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui