“Ci becchiamo a Riccione”: le minacce su TikTok delle baby gang dopo il caos di Peschiera

Una bufala del web o una minaccia concreta? Dopo le risse, le molestie ai danni di ragazzine e i vandalismi del 2 giugno a Peschiera del Garda, i giovanissimi protagonisti dei disordini, per lo più di origine nordafricana, annunciano su TikTok che «Peschiera era solo il riscaldamento, vedremo a Riccione come sarà», o ancora «Questo è stato solo un assaggio, ci becchiamo a Riccione». Dichiarazioni che si diffondono velocemente sui social, accompagnate spesso dalla bandiera del Marocco usata come icona.

Gli inquirenti sospettano che i colpevoli facciano parte delle stesse “baby gang” che per settimane la scorsa estate avevano causato danni di ogni tipo alla Riviera, specialmente nelle zone di Rimini e Riccione. Sospetto sicuramente rafforzato dai video virali su TikTok di fine aprile, simili infatti a quelli apparsi di recente. «Pure quest’estate Riccione sarà colonizzata» scrivevano qualche mese fa i componenti delle baby gang. Resta alta l’attenzione degli investigatori, sia sul territorio che sui social.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui