Chiringuiti: Indino di Confcommercio al contrattacco

Ballare in spiaggia “crea squilibri tra imprenditori dell’intrattenimento”, mentre “offrire divertimento gratuito per servizi che nelle altre destinazioni all’avanguardia sono a pagamento” crea “il rischio di richiamare una infinita platea di ragazzi con risorse minime”. La guerra dei chiringuitos a Rimini viene rilanciata dal Silb-Fipe Confcommercio, con il presidente Gianni Indino “sorpreso dalla presa di posizione di Confesercenti, legittima solamente per la volontà di tutelare il buon nome di una categoria. Il sindacato, ricorda, è stato “tra i primi a benedire la nascita dei chiringuitos” per coprire la cosiddetta “economia del tramonto”. Per cui Indino si “arrabbia molto” a sentir dire che il Silb “non è al passo con i tempi, perché questo è il nuovo che avanza ed è ciò che vogliono i turisti”. L’esempio è Ibiza, “dove dalla spiaggia si esce alle 22 dopo aver ascoltato musica rilassante di sottofondo e poi si va nei locali a ballare pagando profumatamente il biglietto”. Così si fa “un salto di qualità, attirando giovani che hanno possibilità di spesa”. Indino ribadisce i problemi legati all’igiene e alla sicurezza, e si concentra in particolare sulla legalità. E rimane “davvero basito quando si dice che questo è ciò che vogliono i turisti e noi glielo dobbiamo dare”. Così facendo “ora avremmo centinaia di venditori abusivi con merce contraffatta sulle spiagge”. Erano apprezzati dai turisti che acquistavano merce, ma “è un fenomeno illegale” ed è stato sconfitto con la collaborazione di tutti, rimarca.

Ecco perchè, conferma Indino, dire che “ballare in spiaggia non fa male a nessuno non è una scusante e non è nemmeno vero”, si deve “tornare a distinguere tra quello che si può fare e che non si può fare”. E chi vuole far ballare in spiaggia “si metta in regola, prenda una licenza, un permesso, un codice Ateco adeguato e cambi la destinazione d’uso dello stabilimento balneare versando un canone proporzionato per svolgere attività extra-balneare”. Il sindacato presterà, conclude Indino, “massima attenzione su tutte le situazioni di abusivismo, non solamente sulla spiaggia, ma in tutto il territorio”: stabilimenti, alcune ville, alcuni parchi, alcuni bar sono avvertiti, “non si stanno comportando correttamente e questo è difficile negarlo”. E nei prossimi giorni sarà a Rimini il coordinatore nazionale Abusivismo del Silb-Fipe, Giampaolo Scagliola, per fare il punto della situazione sulla lotta all’abusivismo e chiedere un incontro con le amministrazioni locali e i vertici delle Forze dell’ordine per trovare soluzioni condivise. “Questa deregulation totale non è tollerabile e va messo subito un freno se non vogliamo una estate di illegalità e insicurezza che non fa il bene né al nostro territorio, né al nostro turismo”. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui