«Sono stufo dei negazionisti. È un fenomeno che a Rimini sta prendendo troppo piede». Cristian Lucarelli, segretario provinciale Fp Cgil, definisce «vergognoso» l’atteggiamento di chi rifiuta di accettare l’esistenza del Covid. «È ora che questo clima venga affrontato – afferma – perché capisco il disagio della società civile, di non poter lavorare, ma non vorrei che la paura ci facesse sragionare». «E d’altra parte – aggiunge – ho paura che i sanitari siano ora troppo stanchi per affrontare la seconda ondata». Perché il Covid ci ha messo di fronte a una realtà che «non possiamo più ignorare, quella di una sanità che necessita di risorse personali e tecnologiche per avviare un processo innovativo». In prima linea, oggi, non ci sono più solo medici e infermieri, ma anche gli operatori della medicina del territorio, «medici di base, Usca, ufficio di Igiene e salute pubblica, cra – spiega Lucarelli – di cui abbiamo violentemente scoperto l’importanza e su cui bisogna investire adesso, superando la logica “ospedalecentrica”».

Argomenti:

cgil

covid

lucarelli

negazionisti

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *