Cesenatico, un furto rovina la festa benefica per un bimbo malato

La ruota panoramica di piazza Costa diventa “ruota della fortuna”, correndo in aiuto a “Chi Burdel”, a favore del piccolo Diego, affetto da una malattia rara. Un bel gesto per riparare l’odioso danno provocato dal furto di costose attrezzature che erano state utilizzate per la festa benefica mirata a quel nobile scopo.

L’ignobile furto

L’associazione di Villalta aveva organizzato questa iniziativa a fine agosto, con l’obiettivo di raccogliere fondi da devolvere a un bambino alle prese con una malattia rara e per contribuire ad acquistare una particolare apparecchiatura cardiaca da collocare nel Punto di primo soccorso dell’ospedale “Marconi”. Ma è stata vittima di un furto, tanto spregiudicato quanto spregevole, del materiale elettrico che aveva ricevuto in prestito per la festa. Un ladro si era appostato con un furgone nei pressi della zona artigianale di Villalta. Il materiale era stato appena tirato fuori da un capannone dove era provvisoriamente ricoverato, in attesa di essere riconsegnato alla cooperativa cesenaticense che lo aveva concesso in uso. Al malvivente è bastata mezz’ora per caricare e far sparire nove pesanti rotoli di cavi elettrici per l’alta tensione e una mezza dozzina di quadri elettrici.

L’aiuto dal gestore della ruota

La festa ormai tradizionale di fine estate organizzata dal gruppo di amici di “Chi Burdel di Villalta”, aiutati anche dai volontari arrivati da Bagnarola e Cannuccetto, era andata benissimo: un successo di pubblico e apprezzamenti a volontà per la musica e i cibi serviti agli stand. Ma sembrava che i ladri avessero rovinato tutto. Finché Manuel Rambelli, il gestore della ruota panoramica, non è arrivato in aiuto, devolvendo una cifra importante, che ha permesso di mettere le cose a posto.

«È passato più di un mese dalla nostra manifestazione – ricorda il portavoce di “Chi Burdél”, Giuseppe Angelini – Sono state due belle giornate e la gente non ci ha fatto mancare l’affetto, dandoci la forza di superare anche lo shock del furto subito alcuni giorni dopo la festa. Anche se ancora non sappiamo l’esatta somma incassata, abbiamo già attivato tutte le procedure per acquistare ugualmente l’attrezzatura promessa al Punto di primo intervento dell’ospedale e per curare il nostro piccolo Diego. Sarà possibile anche perché nei giorni scorsi l’amministrazione comunale di Cesenatico, visto il danno che abbiamo subito, ci ha girato la donazione che il forlivese Manuel Rambelli, gestore dell’unica ruota panoramica adibita al trasporto gratuito e in sicurezza anche per disabili, puntualmente devolve a favore delle associazioni di volontariato del territorio».

A lui vanno «i ringraziamenti di cuore degli oltre 60 volontari di “Chi Burdel”», gruppo formato da commercianti, artigiani e affiatati amici di vecchia data che alla fine dell’estate 2010 decise di organizzare la prima edizione dell’evento “Villalta fa festa”.

Dal 2010 donati 120 mila euro

Da quella prima manifestazione si raccolsero soldi per aiutare in parte a una bimba bisognosa di cure all’estero e in parte al reparto di Pediatria dell’ospedale Bufalini di Cesena, col supporto del Comune e dalla Cri di Cesenatico. Nel corso degli anni, si è andati via via in soccorso di tanti bambini e bambine con problemi di salute: Nicole, Daniele, Manuel, Rebecca, Simona, Giada, Giorgia, Anita, Irene, Alessandro. Ora tocca a Diego, affetto dalla sindrome di Tourette plus, una malattia neuropsichiatrica caratterizzata dall’emissione, spesso combinata, di rumori e suoni involontari e incontrollati. Inoltre, si è contribuito all’acquisto di apparecchiature mediche e ausili sanitari utili, concordati con l’Ausl. Il tutto per un valore complessivo di 120.000 euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui