Cesenatico, protesta dei pescatori contro i troppi stop alle barche

Il mondo della pesca marittima scende in piazza al porto di Cesenatico, oltre che in quelli di Rimini e Porto Garibaldi, per protestate contro le continue restrizioni all’attività. Alleanza delle Cooperative italiane-coordinamento settore pesca, a cui aderiscono le organizzazioni Agci Agrital, Confcooperative Fedagripesca, Legacoop Agroalimentare Nord Italia, protesta contro le politiche europee che scaricano sui pescatori lo stato di sofferenza degli stock ittici nell’Adriatico. Invece le marinerie puntano l’indice contro varie forme di inquinamento, trivellazioni petrolifere, traffico navale, cementificazione delle coste e cambiamenti climatici. La Commissione Europea impone già da anni la progressiva riduzione dell’attività in mare dei pescherecci. «Per i prossimi anni – avvertono le organizzazioni del settore – oltre a rendere i pescatori sorvegliati speciali con telecamere a circuito chiuso a bordo delle barche, continuando su questa strada si andrà ben oltre il limite di redditività delle imprese di pesca, alle quali non rimarrà che chiudere e sbarcare gli equipaggi». Per questo, alle 10.30 di sabato 12 giugno, saranno organizzati tre presidi di protesta, uno dei quali di fronte al mercato ittico di Cesenatico. Saranno presenti esponenti delle istituzioni nazionali e regionali della pesca, che ribadiranno la necessità di difendere il ruolo e il lavoro dei pescatori. In gioco c’è anche la possibilità dei mercati ittici all’ingrosso di continuare a restare aperti. I pescatori avvertono: «La Commissione Europea ha operato una continua riduzione dei giorni annui dell’attività in mare. Non sono bastate una riduzione del 20% dello sforzo di pesca in tutta Italia negli ultimi 3 anni e la demolizione di oltre il 16% della flotta pescherecci nell’ultimo decennio. Si vuole continuare a ridurre il numero di giornate di pesca oltre il limite della redditività delle imprese, portandole a chiudere e facendo così sparire la pesca nel nostro Paese».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui