Cesenatico, pesce e tradizioni: “Proviamo a fare rivivere le conserve”

«Proviamo a far rivivere le Conserve, con il pesce dentro una ghiacciaia», quella centrale nella piazza che prende il nome proprio dalle antenate delle celle frigorifere. È l’idea della “Proloco del Monte”, che così si prefigge di dare dimostrazione a scopo divulgativo di come si manteneva il pesce al freddo, per più mesi all’anno. A parte qualche fonte orale, oggi nessuno più ricorda o è testimone di come venissero utilizzate le conserve, che furono via via dismesse dai commercianti del pesce, dopo la realizzazione della prima fabbrica per la produzione artificiale del ghiaccio tra il 1929 e il 1930 e successivamente con l’invenzione della “celle frigo”.

«È nostra intenzione riproporre questa pratica – dichiara Igor Magnani, presidente della Proloco del Monte – Lo vogliamo fare nella conserva centrale di quella sorta di museo etnografico scavato a cielo aperto, rappresentato oggi da piazza Delle Conserve, nel cuore del vecchio borgo. Questa iniziativa di carattere dimostrativo-divulgativo sarebbe anche di interesse turistico. Come Proloco siamo disponibili a farcene interpreti, ma abbiamo bisogno di collaborazione». Perciò – prosegue Magnani – «è stato messo al corrente di questo nostro proposito il Comune, ma penso che un appoggio», ma non basta. Pensiamo che «si possano coinvolgere in un progetto del genere anche il Museo della marineria, la Cooperativa dei pescatori e i commercianti ittici. Cesenatico vanta una storia e una tradizione peschereccia che connota il paese, si è mantenuta e, laddove è stato possibile, è stata recuperata, come alla fine degli anni Settanta, quando sono state “riscoperte” le conserve. La pesca e la produzione ittica hanno un’importanza di tutti rispetto per la nostra economia, ma anche per la tipicità di Cesenatico. La prima occasione per la dimostrazione della conservazione del pesce nelle conserve – pensa Magnani – potrebbe essere durante la manifestazione gastronomica “Il pesce fa festa”, nel prossimo autunno».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui