Cesenatico, ordinanza balneare per spiaggia più sicura e spaziosa

Larghi in spiaggia anche questa estate. Firmata l’ordinanza balneare 2021: sotto ciascun ombrellone lo spazio disponibile dovrà essere di 12 metri quadri. Dopo un confronto con le associazioni di categoria, sindacati e la Cooperativa Stabilimenti Balneari, il sindaco Matteo Gozzoli ha firmato l’ordinanza integrativa balneare 2021.

Il tema di confronto principale è stato sulla superficie minima per ombrellone. In spiaggia ne verranno a mancare poco meno del 20%. La distanza “minima” tra i paletti perpendicolari o paralleli al mare è 3,25 metri e la superficie minima per ogni ombrellone non potrà essere inferiore a 12 metri quadri. L’ordinanza regionale balneare avrebbe concesso una riduzione per le zone soggette a erosione, ma qui si è scelto di continuare nella massima sicurezza.

La distanza dalla passerella ai lettini sarà di 1,75 metri, mentre tra un lettino e l’altro senza ombrellone è di 1,50. Fascia di rispetto tra gli stabilimenti balneari da mantenere libera è fissata in 1,70 metri. Per garantire il maggiore distanziamento possibile, stabilito il numero massimo di 2 lettini e 1 poltrona per ombrellone. Mentre, per superfici a ombrellone pari o superiori a 16 metri quadri, con l’obbligo di distanziamento di almeno un metro, è consentita l’installazione di 3 lettini.

Confermato il divieto d’accesso in spiaggia oltre l’orario di apertura degli stabilimenti e comunque dall’1 alle 5. In spiaggia libere si va dalle 7,30 alle 22 con controlli degli accessi di personale autorizzato. L’accesso ai cani in spiaggia è consentito dalle 6 alle 8 e dalle 20 alle 22 nello specchio acqueo antistante le spiagge libere.Gli stabilimenti balneari ed esercizi pubblici posti sull’arenile potranno tenere una festa alla settimana. In spiaggia e nei bagni niente musica dalle 14 alle 16. Niente balli e buffet. Vietati gli intrattenimenti danzanti e gli eventi musicali.

Confermate le cosiddette “aree polifunzionali” che locali, bar e ristoranti potranno utilizzare per avere maggiori spazi e favorire il maggior distanziamento tra i tavoli, senza necessità di comunicarlo agli uffici competenti.

Il sindaco Matteo Gozzoli sottolinea il «dialogo continuo e proficuo con le associazioni di categoria, la Cooperativa stabilimenti balneari. Le regole sono tante e pensate per garantire turismo e lavoro in sicurezza».

Dal 15 luglio, come da ordinanza regionale, è stato stabilito che gli stabilimenti balneari e le attività di somministrazione di alimenti e bevande potranno distribuire unicamente bicchieri, cannucce e sacchetti monouso biodegradabili o compostabili, dotando le proprie strutture di appositi contenitori per la raccolta differenziata. Confermato inoltre il divieto di fumo in battigia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui