Cesenatico: la nuova sabbia andrà in gran parte a Ponente

Nei primi mesi di questo nuovo anno ci si dovrà organizzare al meglio per allungare prima dell’avvio della stagione balneare le spiagge romagnole con 1,1 milioni di metri cubi di sabbia “pescati” sul fondale marino e portate a riva attraverso condutture sott’acqua. Sarà fatto con quello che viene chiamato “Progettone 4”, a cura della Regione, che ha deciso di investire ben 22 milioni di euro per il ripascimento di 15 chilometri di costa in condizioni critiche per erosione, subsidenza e rischi di ingressione marina.

A Cesenatico sono tre le zone più malmesse da questo punto di vista: una buona parte dell’arenile dell’area delle colonie di Ponente, Valverde e Villamarina. In particolare, queste ultime due località ad alta concentrazione turistica si sono trovate in grande in difficoltà d’estate: gli stabilimenti balneari sono davvero a corto di spiaggia dove potere piantare ombrellone e far sistemare al sole i clienti che alloggiano nei tanti alberghi in zona.

La maggior parte della sabbia andrà però dalle parti delle colonie di Ponente, dove l’acqua del mare, a causa del combinarsi degli effetti di erosione e dell’eustatismo, ha finito per cingere già i confini interni delle proprietà.

Dei 105.000 metri cubi di sabbia destinati a Cesenatico, si stima che 17.000 andranno a Valverde e Villamarina, trasportati con camion, mentre gli altri saranno distribuiti su un tratto di spiaggia lungo 1.000 metri a Ponente, dove ci sarà il punto di “sbarco”, già individuato. La sabbia, prelevata sott’acqua, circa 27 miglia al largo, verrà portata fino alla costa attraverso condutture sottomarine.

Si tratta di una tecnica che fu sperimentata già nel maggio 2016, quando col “Progettone 3” si pescarono e si “spinsero” fino all’arenile di Ponente 120.000 metri cubi di sabbia. Ci si servirà di navi draga che opereranno piuttosto lontano dalla costa e collegate a tubazioni che consentiranno di far giungere la sabbia dai giacimento sottomarini fino a riva.

Il “Progettone 4” era stato preceduto, oltre che da quello effettuato sempre dalla Regione 6 anni fa, da due interventi analoghi nel 2002 e nel 2007.

Questa volta i tratti di costa interessati misurano complessivamente 10.860 metri di spiaggia, con la prospettiva di allungarla mediamente di 50-60 metri.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui