Cesenatico, la famiglia Canducci torna a gestire il ristorante “Due Ponti”

Laddove c’era lo storico podere di otto ettari della famiglia Belletti – da 32 anni – c’è il ristorante Due Ponti o, meglio, il “Resort Due Ponti Village” come è stato ribattezzato oggi dopo un accurato restyling della struttura e della filosofia gestionale. 

Perché, anche se l’identità resta la stessa degli anni ’90 (l’antica osteria di nonna Tonina consacrata alla “romagnolità” più verace), oggi ai Due Ponti la parola d’ordine è eco-sostenibilità e l’atmosfera ruspante si sposa con una più ricercata qualità ricettiva e gastronomica. Una svolta impressa qualche mese fa quando, dopo oltre quindici anni di “stacco”, la famiglia Canducci – che l’aveva fondata lo scorso millennio – è tornata stabilmente al timone dell’attività. 

Ad occuparsi del rilancio del ristorante – con il prezioso aiuto della mamma Maria Grazia Canducci – è Cesare Tramontano, 29 anni, un diploma in agraria con master negli Stati Uniti dove, lavorando per diverse aziende in Texas, ha imparato l’arte dell’allevamento del bestiame. “Il vecchio gestore – dice Tramontano – dopo tanti anni, aveva un po’ esaurito il suo percorso e dunque il passaggio di testimone, anche se il Covid ha complicato tutto, è stato abbastanza ‘naturale’. Del resto, tra queste mura io ci sono cresciuto e quella della ristorazione è sempre stata una mia passione. Abbiamo ristrutturato il cuore del locale nell’inverno scorso, quando eravamo in lockdown e, dopo una fase di inevitabile rodaggio, da qualche mese siamo partiti a pieno regime con un nuovo progetto che prevede, nei prossimi anni, nuove strutture e tanti ammodernamenti. Sul cambio di gestione, come a volte capita, c’è stata un po’ di confusione, ma il ristorante – ci tengo a precisarlo – non ha mai chiuso”. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui