Cesenatico, l’omaggio dei garibaldini: corteo senza poter salire in barca – Gallery

Il vento abbastanza forte e soprattutto il mare mosso hanno “appiedato” i garibaldini, per la rievocazione storica del passaggio dell’eroe dei due mondi il 2 agosto 1849.


Nel senso che la mattinata si è svolta da programma, con l’eccezione dell’uscita in mare sulle barche storiche e con il pubblico su una motonave per lanciare una corona tra le onde. Invece i garibaldini in camicia rossa e pantaloni turchini, insieme ai rappresentanti istituzionali, hanno camminato fino al faro di levante, nonostante il caldo, e dalla cima del molo hanno gettato in acqua l’omaggio floreale.
Si inizia in mattinata con la rievocazione dell’imbarco, l’uscita in mare del corteo di barche, i garibaldini, i figuranti. L’appuntamento con la sfilata storica dei garibaldini, accompagnati dalle autorità e dalla banda musicale Città di Gradara, è stato davanti al municipio. Il corteo si è mosso per raggiungere vicino il monumento dedicato a Garibaldi che si trova in piazza Carlo Pisacane, dall’altra parte del porto canale. Poi il corteo ha percorso corso Garibaldi, con una sosta e la deposizione di una corona davanti alla casa sul porto dove riposò febbricitante Anita Garibaldi due giorni prima di morire.


Poi il corteo si è allungato fino alla punta del molo di levante per gettare in acqua la corona dedicata a Garibaldi e ai suoi. Quindi il ritorno davanti al cippo in piazza Ciceruacchio (intitolata a un altro fedelissimo garibaldino) per il saluto ufficiale del sindaco Matteo Gozzoli e dell’Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini rappresentati da Filippo Raffi. Era presente come di consueto anche il vicesindaco di Ravenna, Eugenio Fusignani.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui