Cesenatico, inaugurato murale sul confronto tra giovani e anziani

È stato svelato ieri, con una inaugurazione in forma ristretta, il murales che decora la casa “Al Gelso” di Bagnarola”. L’opera è stata interamente finanziata dalla Regione Emilia-Romagna e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’ambito del progetto “Coloriamo il futuro: per un cambiamento che parte dai giovani”. L’associazione “L’Albero della vita APS”, in rete con l’Associazione Homo Viator, ha promosso e realizzato il murale potendo anche contare sul supporto del Comune di Cesenatico per quanto riguarda la parte burocratica e i rapporti con la sovraintendenza che ha autorizzato l’intervento. A realizzare il disegno è stato il writer Emanuele Battara in arte Burla.

Momenti di confronto tra giovani e anziani hanno definito la tematica da rappresentare. Alcuni disegni prodotti hanno evidenziato il legame e le esperienze vissute in questo luogo. È emerso un tema comune: la casa “Al Gelso” come spazio di incontro intergenerazionale. I volontari dell’associazione hanno provveduto a ripristinare e a tinteggiare il muro, mostrando ai ragazzi la ricchezza del servizio volontario a favore degli altri e della comunità.

“Abbiamo voluto fare questa ristretta inaugurazione, chiusa al pubblico e rispettando tutte le norme, per un murales molto significativo. L’impegno dell’associazione “L’Albero della Vita APS” è una risorsa importante per il nostro territorio e per il tessuto sociale di giovani e anziani”, il commento del Sindaco Matteo Gozzoli.

“Il disegno rappresenta un leggero tocco di dita, tra un nonno e una bambina, simbolo dell’importanza della relazione e del passaggio di esperienze e conoscenze. Sullo sfondo un ramo di gelso, pianta simbolo di questo luogo”, spiega Emanuela Pagliacci, presidentessa dell’associazione “L’Albero della vita APS”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui